Esenzione Imu, chi non dovrà pagare la tassa che scade tra pochissimo

Si avvicina il gong per il versamento di questo tributo, ma per fortuna sussiste l’esenzione Imu. Chi sono i fortunati che non dovranno sborsare un euro.

Esenzione Imu a chi spetta
Esenzione Imu a chi spetta Foto dal web

Esenzione Imu, un paracadute che farà modo a diversi cittadini di non dover versare l’imposta entrata in vigore con il governo tecnico anti-crisi con a capo Mario Monti nel 2011. Le cui politiche però propesero per un percorso “lacrime e sangue”, con la famigerata riforma Fornero per quanto riguarda le pensioni e con la concezione di questa tassa, l’Imposta municipale propria, legata alla prima casa.

Il tributo è sopravvissuto fino ad oggi ma esiste una esenzione Imu che permetterà ad alcuni di non doversi preoccupare della scadenza fissata al 16 dicembre 2021. Una data entro la quale doversi mettere in regola versando la seconda rata oppure tutto l’importo.

C’è da dire che solamente fino al 2013 tale imposta gravava sulle prime case mentre poi ha riguardato le seconde abitazioni. L’esenzione Imu riguarda certe categorie ben precise di immobili. Quindi bisogna controllare la categoria catastale di appartenenza.

Esenzione Imu, chi paga e chi non dovrà farlo

Foto dal web

A pagare la tassa saranno:

  • proprietari di alcune categorie di immobili;
  • titolari di enfiteusi ed usufrutto;
  • locatari in leasing;
  • concessionari di aree demaniali;

E proprietari di:

  • fabbricati;
  • aree fabbricabili;
  • fabbricati rurali ad uso strumentale e costruiti per la vendita;
  • terreni agricoli;

Poi c’è l’esenzione Imu che scatta invece per gli immobili che ospitano teatri, cinema e sali spettacolo in generale, oltre a quelli che fanno parte della categoria del catasto D/3. Saranno esentati anche i contribuenti che abitano in zone a rischio sismico.

Potrebbe interessarti anche: Rincari a Natale, sale il prezzo di ogni cosa: quanto spenderemo

Nella fattispecie coloro che hanno abitazioni danneggiate dai terremoti avvenuti in Lombardia e Veneto (2012), in Emilia Romagna (2012 e 2017), Lazio, Umbria e Marche (2016) e Capri (2017). Per qualcuno che ha già versato la prima rata è previsto un rimborso.

Potrebbe interessarti anche: Bollette luce e gas, aumenti paurosi: chi riceverà gli aiuti dal Governo

Potrebbe interessarti anche: C’è un bonus che ti dà subito mille euro | come fare per averlo

E per finire sono esentati anche i pensionati non residenti, mentre una recente sentenza del novembre 2021 ha stabilito che il sotterfugio che vedeva le coppie di coniugi dividersi le abitazioni risultando uno residente in una casa e l’altro in un’altra non sarà più valido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *