Freddo e smartphone, quali sono i danni che possono capitare: attenti

Questa è una combinazione decisamente letale: freddo e smartphone non vanno d’accordo e le conseguenze possono essere veramente spiacevoli.

Freddo e smartphone come proteggere i nostri dispositivi
Freddo e smartphone come proteggere i nostri dispositivi Foto dal web

Freddo e smartphone quanto vanno d’accordo? Si dice spesso che i dispositivi elettronici, tra i quali ad esempio le console di gioco, i lettori blueray ed anche pc e televisori, performino meglio con una temperatura non elevata.

Ma nel caso delle condizioni climatiche dettate dall’inverno come siamo messi, con freddo e smartphone e con gli altri devices in generale? Va detto che spesse volte le case produttrice consigliano di non tenere un cellulare o altro al di fuori di un certo range di temperatura. Che comunque rientra in un ventaglio alquanto ampio.

Infatti tra 0° e 35° non dovrebbero sorgere delle complicazioni. Solo, nel caso di alte temperature noteremo ad esempio che uno smartphone tenderà a scottare più del normale. Oppure che una console fa più rumore del solito a causa delle ventole che lavorano con maggiore intensità all’interno.

Cosa ottima, perché espellono l’aria calda che altrimenti sarebbe estremamente dannosa per le componenti interne.

Freddo e smartphone, cosa dobbiamo fare per evitare problemi

Foto dal web

Ma quando, al contrario, le temperature giocano un ruolo in negativo, uno dei primi effetti che possiamo notare consiste in un malfunzionamento del touch screen. Calano la precisione e la sensibilità di questa comoda funzionalità, ma in questo caso siamo noi la causa. Perché questa tecnologia performa al meglio se le nostre dita non sono fredde, e possono quindi generare dei precisi impulsi.

Quando abbiamo le mani congelate ciò accade con molta più difficoltà, come dimostrato da apposite osservazioni pratiche in fase di testing prima che un dispositivo venga lanciato sul mercato.

Non a caso sono state concepite delle contromisure, come i guanti che consentono comunque di digitare oppure i pennini stilo, che per quanto diano una idea quasi di retro e di demodé, risultano essere sempre efficaci. Specialmente nel contrastare la dicotomia tra freddo e smartphone.

Occhio alla batteria

Foto dal web

Poi, quando fa troppo freddo (esattamente come quando fa troppo caldo, n.d.r.) la batteria al litio soffre molto e può vedere calare le proprie prestazioni di ricarica e di durata. Una cosa che si verifica in caso di prolungata esposizione a condizioni ambientali sfavorevoli.

Inoltre dei danni possono essere riportati anche dagli schermi, più facilmente propensi a subire ammaccature permanenti se non proprio ad infrangersi.

Ci sono anche casi nei quali per il troppo freddo non è stato possibile inoltrare chiamate, mandare messaggi e navigare in internet. Presumibilmente per dei danni subiti dalle componenti interne.

Potrebbe interessarti anche: Whatsapp, come fare per avere messaggi solamente da chi vuoi tu

Gli sbalzi termini possono essere letali

Esposizione estreme a temperature troppo basse possono portare anche alla formazione di umidità e di condensa nel cellulare. Cosa che, unita alla polvere che pure riesce sempre e comunque a penetrare al suo interno, contribuisce a rallentare la vita del nostro device.

Potrebbe interessarti anche: Whatsapp, come usarlo senza neppure prendere in mano il telefono

Potrebbe interessarti anche: Aggiornamento WA, arriva una funzione inedita: le novità

Per meglio proteggere il nostro smartphone si consiglia di utilizzare delle cover in grado di ricoprirlo sia all’interno che all’esterno. E di spegnerlo se sappiamo di dovere restare a lungo in un posto dove fa molto freddo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *