Coltivare il ciclamino: i consigli per renderlo forte e rigoglioso

Ecco tutti gli accorgimenti da mettere in pratica per coltivare al meglio una pianta di ciclamino: dalla temperatura ideale alla posizione più adatta.

coltivare ciclamino
(Foto Pixabay)

Illuminazione, temperatura e irrigazione sono solo alcuni degli importanti fattori che occorre considerare affinché qualsiasi pianta cresca forte e sana. Vediamo insieme come coltivare il ciclamino e quali errori evitare.

Ciclamino: posizione e temperatura ideale

Con l’arrivo del freddo, è essenziale preoccuparsi dell’habitat delle nostre piante, per capire se possano sopravvivere al gelo o se ci sia la necessità di spostarle.

Ciclamino (AdobeStock)

Il ciclamino è una pianta da esterno, che tollera bene i periodi di freddo, purché la temperatura non scenda sotto i 5 gradi.

In linea di massima, in ogni caso, il range ideale è compreso tra i 13 e i 16 gradi.

La temperatura esterna è troppo bassa e rischierebbe di compromettere la salute della pianta? In questo caso, è fondamentale portare il ciclamino in casa.

Attenzione a dove lo si posiziona: è indispensabile tenerlo lontano da fonti di calore e da correnti di aria fredda.

Inoltre, dovrebbe essere collocato in un luogo ben illuminato, ma non esposto direttamente alla luce del sole.

Potrebbe interessarti anche: Ciclamino, le foglie si arricciano? Perché succede e come evitarlo

Coltivare un ciclamino: buone pratiche ed errori da evitare

Se decidiamo di coltivare un ciclamino, dobbiamo fare attenzione a dei comportamenti sbagliati, che potrebbero mettere a rischio la salute della pianta.

Ciclamino foglie arricciate
Ciclamino (Screenshot da Facebook)

In primis, occorre fare attenzione alla frequenza delle irrigazioni e alla quantità di acqua.

È indispensabile evitare gli eccessi, annaffiando troppo poco o in misura estrema la pianta.

Per capire se il ciclamino necessita di essere irrigato, basterà tastare il suo terreno a giorni alterni e procedere esclusivamente nel caso in cui risulti completamente asciutto.

Un’ulteriore accortezza da mettere in pratica riguarda il nutrimento della pianta: coltivare al meglio il ciclamino significa concimarlo regolarmente.

L’ideale sarebbe utilizzare un fertilizzante liquido. Un altro errore da evitare riguarda il rinvaso.

Potrebbe interessarti anche: Prendersi cura del proprio ciclamino quando si trovano macchie sospette

Non sempre, infatti, è necessario spostare il ciclamino dal vaso in cui lo abbiamo acquistato.

Questa procedura è molto delicata e complessa, e rischieremmo di causare danni alla pianta.

Se proprio lo riteniamo necessario – magari perché desideriamo trapiantare il ciclamino in un terreno più ampio, accanto ad altre piante – potremo rivolgerci a qualcuno con esperienza e manualità, che ci aiuterà in questa operazione.

Infine, un ultimo consiglio da mettere in pratica riguarda la potatura del ciclamino: è essenziale eliminare gli steli secchi e ormai sfioriti per regalare nuovo vigore alla pianta.

Impostazioni privacy