Con il diabete si possono mangiare le patatine fritte?

Questa è una domanda che molti con il diabete si pongono: possono mangiare le patatine fritte? Vediamo che cosa dicono gli esperti.

patatine fritte
Patatine fritte (da Pixabay)

Il diabete si divide in diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2. Questa malattia comporta un aumento della glicemia nel sangue, valore che compromette la funzionalità dell’organismo. Quindi, per contrastare questa situazione bisogna necessariamente fare attenzione all’alimentazione (non assumere troppi zuccheri e grassi), avere uno stile di vita corretto e seguire le indicazioni del medico.

Un diabetico dovrà assumere determinati farmaci per riequilibrare le dosi di glucosio nel sangue. Spesso non è facile stare attenti a tutto, soprattutto a cosa si mangia. Ad esempio, in molti si chiedono: ma se sono diabetico posso mangiare le patatine fritte?

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Il frutto capace di contrastare il diabete: le recenti scoperte

Le patatine fritte sono uno degli alimenti più cucinati e più consumati nelle case degli italiani e di tutto il mondo. Si sa già che un cibo fritto non è molto salutare, ma vediamo nei dettagli cosa vorrebbe dire per un diabetico mangiare le patatine fritte.

Diabete: si possono mangiare le patatine fritte? I dati

Diabete lenticchie
Diabete (Pixabay-Tesa photography)

Le patate fritte, purtroppo, rientrano nel cosiddetto “cibo spazzatura”. Sono molto buone come contorno, ma contengono una quantità di carboidrati e di grassi molto elevata. Soltanto una piccola porzione di 200 grammi basterebbe a soddisfare per 1/4 il fabbisogno giornaliero di un adulto.

I diabetici devono conoscere le proprietà dei cibi che mangiano. Le patate fritte sono dannose per chi soffre di diabete perchè alzano la glicemia. Tuttavia, se mangiate in quantità molto ridotte e inserite in una dieta del tutto sana, allora si può fare. Ma devono essere proprio poche. I grassi presenti in questo tipo di alimento non solo sono dannosi per chi ha il diabete, ma sono portatori di colesterolo alto, quindi rischio infarto e ictus.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Le patatine fritte sono più salutari dell’olio d’oliva: la Francia sfida l’Italia

Insomma, gli studi che continuano ad essere fatti sulle patatine fritte non trovano altri risultati: mangiarle troppo (2 o 3 volte alla settimana) fa ingrassare prima di tutto, fa salire la pressione, aumentano il rischio per diabete, infarto e ictus oltre ad aumentare il rischio di cancro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *