Rischio cancro e malattie cardiache: l’olio d’oliva lo riduce

Il rischio di cancro e di malattie cardiache può essere ridotto da un giusto consumo dell’olio d’oliva. Ecco tutti i dettagli.

Olio d'oliva
Olio d’oliva (da Pixabay)

Nel mondo le principali cause di morte sono il cancro e le malattie cardiovascolari. Subito dopo arrivano malattie neurodegenerative. La scienza e la medicina stanno stanno continuando gli studi, studi che non si fermano mai per cercare di trovare una prevenzione e una cura a queste gravi malattie.

Uno studio pubblicato il 10 gennaio 2022 su Journal of American College of Cardiology ha accertato che l’uso di olio d’oliva al posto di burro, margarina e maionese può abbassare il rischio di mortalità per le cause descritte sopra, ovvero cancro, malattie cardiovascolari, ecc..

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Cancro: c’è un nuovo esame del sangue per poterlo scoprire

In particolare la sostituzione deve essere di 10 grammi di burro con 10 grammi di olio d’oliva. Basta questo per condurre una vita più sana e più tranquilla riducendo i rischi di malattia. Ma vediamo nel dettaglio lo studio condotto in America e i risultati ottenuti.

Rischio cancro e malattie cardiovascolari: come assumere l’olio di oliva per ridurlo

Olio d'oliva in vasetto
Olio d’oliva in vasetto (foto da Pixabay)

I ricercatori si sono concentrati su 60.582 donne e 31.801 uomini. Hanno iniziato ad osservarli dal 1990 e tutte queste persone non avevano malattie di nessun genere all’inizio della ricerca. Ogni 4 anni i ricercatori chiedevano ai volontari di compilare un questionario sulla loro dieta e lo studio si è concluso dopo 28 anni.

Chi assumeva più olio di oliva consumava circa 9 grammi al giorno. Quando gli studiosi hanno messo a confronto i dati con chi non ha mai usato l’olio d’oliva è risultato che chi ne ha consumato regolarmente aveva: il 19% in meno di rischio di malattie cardiovascolari, il 17% in meno di rischio di mortalità per cancro, il 29% in meno di sviluppare malattie neurodegenerative, il 18% in meno di morire per malattie respiratorie.

C’è anche da dire che chi era abituato a consumare più olio di oliva rispetto ad altri era molto più attivo fisicamente, consumavano più frutta e verdura rispetto agli altri, molti non fumavano. Inoltre, avevano antenati dell’Europa Meridionale e del Mediterraneo.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Colesterolo alto, sintomi: attenti al dolore in una specifica parte del corpo

Non si sa quanto e quali di questi aspetti possano avere maggiore peso nelle conclusioni riscontrate. Quello che è certo è che l’olio d’oliva fa bene alla salute. Ma gli studi stanno continuando e devono continuare per tutte quelle domande che non hanno ancora risposte chiare e precise.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *