Come evitare i batteri in cucina: il luogo più a rischio della casa

La cucina è il luogo più a rischio, allora vediamo come evitare i batteri con un elenco di cose da fare mentre cucinate o dopo aver mangiato .

cucina
Cucina (da Pixabay)

La cucina è il luogo più a rischio della casa se parliamo della formazione di germi e batteri. Infatti, ciò che può causarli è il cibo crudo, gli avanzi di cibo, le briciole che cadono sul pavimento e in cucina ce ne sono a volontà. Bisogna sempre fare molta attenzione e cercare di vivere in un ambiente del tutto pulito e igienizzato.

A volte si possono sviluppare batteri del tutto innocui per la nostra salute, ma qualche volta possono sorgere delle infezioni a seguito di contatti con batteri nocivi. Anche l’Autorità Europea per la sicurezza alimentare si esprime spesso su questo argomento.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Pulire la cucina più velocemente: alcuni consigli pratici

Vediamo allora quali possono essere dei suggerimenti e dei comportamenti giusti per evitare i batteri in cucina e prevenire così problemi di salute derivati da contaminazioni o infezioni.

Come evitare i batteri in cucina: alcuni suggerimenti utili

Nonna e nipote cucinano un dolce
(Foto Pexels)

Questi sono consigli semplici da mettere in pratica ogni giorno per evitare che germi e batteri si formino in cucina mentre preparate il cibo o mentre mangiate:

  • I cibi crudi possono contaminare tutti gli altri cibi se messi in frigorifero senza un contenitore o una protezione. Inoltre, bisognerebbe disinfettare al meglio tutto ciò che è venuto in contatto con i cibi crudi;
  • La carne di pollo non va mai lavata. Acqua e sfregamento esaltano la formazione dei batteri e li spargono ovunque sulle superfici circostanti. Naturalmente dopo la cottura i batteri presenti saranno del tutto eliminati;
  • Carne e pesce vanno scongelati sempre in frigorifero, non a temperatura ambiente. Una volta scongelati poi vanno cotti, non conservati a lungo in frigorifero e nemmeno ricongelati. Questo è molto importante;
  • Prendete un termometro per alimenti in modo da controllare a che temperature cuocete. Dopo i 70 gradi la maggioranza dei batteri viene debellata;
  • Non lavate i prodotti che vanno conservati in frigo: gli avanzi vanno chiusi per bene e consumati entro 2 giorni;
  • Attenzione alle uova: non consumatele crude, attenti a quelle che hanno il guscio ancora sporco o rotto perchè proprio lì si annidano tanti germi;
  • Curate molto bene la frutta e la verdura: togliete le parti rovinate e lavate sempre al meglio;
  • Lavate spesso le mani: i batteri possono usare le vostre mani per spostarsi da una parte all’altra della cucina;

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Padella antiaderente: attenzione a cucinare questo particolare alimento

  • Cambiate spesso le spugne: le spugnette che usate per lavare i piatti vanno cambiate spesso, sono il luogo ideale per la proliferazione di batteri;
  • Lavate bene gli strumenti: dovete pulire molto bene gli strumenti che usate soprattutto se questi sono venuti a contatto con la carne e con le verdure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *