Pasta contaminata da pesticidi: quelle da evitare per i bambini

Un nuovo decreto dell’Unione Europea potrebbe presto vietare alcune tipologie di pasta contaminate da alti livelli di deossinivalenolo, un pesticida estremamente pericoloso per i bambini.

pasta bambini
(Foto Pexels)

Oggi giorno, molti marchi e tipologie di pasta contengono pesticidi, aflatossine e micotossine. Uno tra i più diffusi si chiama Don (deossinivalenolo) ed è estremamente dannoso per la salute dei più piccoli. Si tratta di un pesticida che, presto, potrebbe essere vietato in via ufficiale dall’Unione Europea. Tutti i dettagli.

Pasta e pesticidi: i livelli consentiti e tutto quello che c’è da sapere

Pasta, cereali e farine sono gli alimenti maggiormente esposti alla contaminazione da pesticidi, aflatossine e micotossine. Sembrerebbe che, nonostante i limiti consentiti dalla legge, alcune tipologie di pasta contaminate da Don (deossinivalenolo) siano inadatte all’alimentazione dei bambini.

pasta
(Foto Pexels)

In Italia, il limite consentito è: 200 parti per bilione (ppb) per la pasta pediatrica e 750 parti per bilione (ppb) per tutte le altre tipologie. Il Don è una delle micotossine maggiormente diffuse nel Nord America e in Europa. Si trova in farine, mais, avena, grano ed è la tossina prodotta dalle muffe fungine (Fusarium) che possono svilupparsi in alcuni raccolti.

La diffusione del Don dipende da fattori climatici come tempo variabile e precipitazioni le quali favoriscono la crescita della muffa nei raccolti. Le tossine di origine fungina rappresentano tuttavia un grosso problema per la salute dell’uomo e, in particolare, dei più piccoli.

Potrebbe interessarti anche: Allarme senape nel grano: contaminazione pericolosa

Tutti i pericoli connessi all’esposizione da deossinivalenolo

Questa micotossina può rappresentare un vero problema per l’organismo più sensibile dei bambini. Nello specifico può generare un’intossicazione acuta che si manifesta  con nausea e vomito. Inoltre causa problemi ai reni, al fegato e malattie immunodepresse. Per quanto riguarda i bambini, si stima che il Don sia responsabile del ritardo nella crescita, perdita di appetito e maggiore vulnerabilità alle infezioni.

Il test che svela le farine italiane più contaminate da pesticidi

Il fenomeno del massiccio impiego di pesticidi nelle colture, non riguarda solo il grano italiano, ma soprattutto quello straniero. Alti livelli di glifosato si registrano, ad esempio, nelle coltivazioni canadesi e nordamericane.

bambino che mangia
(Foto Pexels)

Potrebbe interessarti anche: Frutta e verdura, alcuni efficaci metodi per eliminare i pesticidi

Il glifosato è un pesticida che influisce negativamente sul sistema endocrino e sullo smaltimento delle tossine il quale risulta più difficoltoso per l’organismo. La contaminazione del grano rappresenta un circolo vizioso, in quanto la maggior parte della farina italiana è prodotta con grano canadese. Tra i marchi che sono risultati peggiori figurano:

  • Rummo;
  • Eurospin;
  • Esselunga;
  • Lidl;
  • Garofalo;
  • Divella;
  • Agnesi.

Per attenuare il rischio di intossicazione acuta nei più piccoli, si consiglia di acquistare sempre della pasta pediatrica, la quale risulta maggiormente monitorata e sicura delle altre.

Impostazioni privacy