Piccoli rigonfiamenti della pelle: potrebbero non essere peli incarniti o brufoli

Quando ci sono dei piccoli rigonfiamenti della pelle si pensa subito a brufoli o peli incarniti, ma potrebbe essere qualcos’altro.

Brufoli
Brufoli (Pexels)

Nel prenderci cura della nostra pelle, del nostro corpo e del nostro organismo facciamo davvero tante cose. A volte, senza rendercene conto possiamo anche sottovalutare i classici segni che compaiono dopo qualche nostra azione. L’esempio più pratico è quello della depilazione.

Quando ci si depila, soprattutto in alcune zone del corpo, più delicate, compaiono dei segni rossi, dei graffi, oppure dei puntini. Tante volte, se ci si avvicina e si tratta la zona inguinale potrebbero formarsi dei piccoli pallini rossi o bianchi, aspetto comune dei brufoli oppure di peli incarniti. È una condizione del tutto normale. Un pelo non riesce ad uscire dalla pelle e rimane sotto pelle creando un po’ di pus. Basta schiacciarlo per risolvere la situazione.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Alimenti ricchi di collagene: indispensabile per pelle, cartilagine e ossa

Ma forse, troppe volte non facciamo abbastanza attenzione a questi segni. Infatti, abituati ad avere piccoli brufoli e peli incarniti, possiamo perdere di vista la formazione di qualcos’altro, qualcosa di diverso.

Piccoli rigonfiamenti della pelle: non sono brufoli e peli incarniti

Brufoli (Pixabay)

Se si tratta di brufoli basterà lasciarli evolvere da soli, nel caso di peli incarniti rompendo quel piccolo brufolo che si è formato il pelo uscirà subito insieme al pus che la sua presenza ha formato. Il tutto verrà risolto così in poco tempo. Ma questi piccoli rigonfiamenti della pelle potrebbero non essere sempre peli o brufoli.

Infatti, potrebbe trattarsi di un’altra cosa: di linfonodi ingrossati. I linfonodi sono filtri biologici che si occupano di far passare le sostanze e combattere i batteri. Si trovano in diversi punti del nostro corpo come inguine, ascelle, collo. Forse vi sarà capitato di avere i linfonodi gonfi nella gola a seguito di un’influenza. Infatti, si gonfiano quando c’è un’infezione batterica.

Se al tatto questi piccoli rigonfiamenti sono come una pallina dura, qualcosa di duro e di ovale di piccole dimensioni, allora non è un brufolo o un pelo nascosto sottopelle. Ma è un linfonodo. Ad ogni modo, non c’è da preoccuparsi troppo. L’unica cosa da fare è non rompersi la pelle.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Quando preoccuparsi dei linfonodi ingrossati sotto le ascelle?

Questa infiammazione potrebbe passare da sola, anche a seguito di un po’ di dolore. Se con gli impacchi, caldi e freddi, e con gli antidolorifici non passano, allora è necessario rivolgersi al medico il quale li analizzerà e deciderà che cosa fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *