Mal di testa e dolori addominali: attenzione a questa allergia alimentare

Se spesso soffrite di mal di testa e dolori addominali potreste soffrire di un’allergia alimentare molto diffusa ma non semplice da individuare.

Mal di testa (Pexels)

Tante volte può succedere di stare male dopo aver mangiato. Questo può accadere per una serie di motivi. Forse è perchè la quantità di cibo era troppa, forse il cibo era troppo grasso e ha dato difficoltà digestive. Forse il nostro organismo è più sensibile di altri ad alcune sostanze che sono contenute negli alimenti.

Quando si verifica un problema di questo tipo e l’organismo inizia a ricevere sostanze che gli fanno male iniziano ad essere mandati dei segnali. Questi sono in genere dei crampi addominali, gonfiore, diarrea. Ma anche nausea, vomito e mal di testa. L’argomento delle allergie alimentari è molto vasto e non è sempre molto chiaro, ma in presenza di questi sintomi è doveroso indagare prima in questo senso.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> I tuberi in grado di migliorare la digestione e abbassare il colesterolo: meglio delle patate

Infatti, potrebbe esserci un’allergia o un’intolleranza al nichel. L’avrete già sentita tante volte, ma non è così facile da individuare. Vediamo qui di seguito tutti i dettagli.

Allergia alimentare al nichel: di che cosa si tratta

Maschera viso
Pomodori (Pixabay)

Il nichel è un metallo simile al ferro, quindi lo si può trovare in molti materiali e oggetti come bigiotteria, orologi, ma anche stoviglie. Ma può succedere che una persona intollerante o allergica non reagisca al contatto con la pelle, ma abbia invece delle reazioni se questo elemento viene ingerito. Infatti, così come il ferro, si può trovare in diversi alimenti.

Gli alimenti che contengono nichel sono: cereali, cacao, frutta secca, legumi, pomodori, asparagi, spinaci, cipolle. Anche le uova e i crostacei contengono grandi quantità di questo elemento chimico. È difficile che una persona possa evitare tutti questi alimenti, però può attribuire la colpa del suo malessere ad altre cause. L’importante è rivolgersi ad un medico e approfondire la questione con dei test.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Allergia al Nichel: ecco quali sono i cibi che puoi e non puoi mangiare

Ci sono dei rimedi che possono aiutare a ridurre la sensibilità al nichel, sia nel caso di un contatto con la pelle, che nel caso questo venga ingerito. Tuttavia, come avete visto, il non reagire quando si tocca qualcosa con il nichel, non significa non esserne intolleranti. La scelta migliore è fare i test indicati dagli specialisti e poi seguire le loro indicazioni per un eventuale trattamento per migliorare la condizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *