Crab Walk: l’esercizio per un fisico scultoreo

Crab Walk: l’esercizio per un fisico scultoreo a prova d’Estate; la sua esecuzione richiede attenzione ma i risultati arriveranno

Esercizio workout
Esercizio (Pixabay)

Già da alcuni mesi scommettiamo che molti di voi, in vista dell’estate, si saranno iscritti in palestra. Oppure, se non vi siete iscritti in palestra, state allenandovi da casa, o in pineta, approfittando delle belle giornate e dell’ora in più di luce che abbiamo.

Soprattutto quando ci si allena da soli, senza che un personal trainer ci segua in maniera pedissequa, ci chiediamo spesso se quel che stiamo facendo sia giusto ed utile. Domanda più che lecita, visto che sbagliare postura durante un esercizio o sbagliare l’esecuzione dei movimenti non solo è inutile, ma addirittura può risultare dannoso.

Alla lunga, potremmo infliggerci problemi di postura, strappi, tendiniti ma anche, nei casi più gravi, lussazioni e fratture. Motivo per il quale è strettamente necessario avere consapevolezza del proprio corpo, durante certi movimenti. Insomma, detta in altre parole, dobbiamo evitare di improvvisare.

Oggi vi proponiamo un esercizio che potete introdurre nel vostro allenamento, e vi spiegheremo bene come eseguirlo così da non incappare in errori evitabili.

Ti potrebbe interessare anche->Hai questi oggetti in camera da letto? grave errore

Crab walk, l’esercizio per un fisico scultoreo pronto alla prova costume

Crab walk
Granchio (Pixabay)

Stiamo parlando della crab walk, ossia la camminata a granchio. Il nome la dice lunga: dovrete camminare come un granchietto. L’esercizio serve ad allenare la parte alta e bassa: la parte superiore delle braccia, le spalle, le gambe e gli addominali. Inoltre aiuta ad acuire la coordinazione e la consapevolezza del corpo.

Ti potrebbe interessare anche->I volti scavati sono il trend di bellezza del momento

Vediamo come si esegue; sedetevi per prima cosa, e portate le braccia all’altezza delle spalle, quindi dietro rispetto al busto. Le dita devono essere girate verso i fianchi. Allungate leggermente le gambe in avanti, in modo che le ginocchia restino piegate.

Sollevate il bacino: le gambe davanti devono rimanere un po’ flesse, le mani e le braccia devono essere tese. Coordinatevi andando prima in avanti e poi dietro: ricordatevi che alla gamba destra, corrisponde in un passo la mano sinistra, e viceversa.

La ripetizione consigliata è di almeno dieci “passi”, avanti e indietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *