Richiamo alimentare: salame ritirato, non conforme ai requisiti di sicurezza alimentare

Il Ministero della Salute ha pubblicato un richiamo alimentare per rischio microbiologico che riguarda un prodotto con salame in commercio.

salame ritirato
Salame (Pixabay)

Poche ore fa il sito ufficiale del Ministero della Salute ha dato comunicazione di un richiamo alimentare. Il prodotto protagonista dell’allerta è un tipo di salame già in commercio. Si tratta di un prodotto contaminato, che deve essere immediatamente ritirato dal commercio. Quindi, attenzione. Vediamo qui di seguito tutti i dettagli per riconoscere di che prodotto si tratta.

Richiamo alimentare: salame contaminato da salmonella e listeria

Scheda richiamo (Screenshot Ministero della Salute)

Il richiamo alimentare riguarda il Salame Cacciatore Villani Spa. Il marchio di identificazione che può aiutarvi a capire se lo avete acquistato è CE IT 68 L, mentre il lotto di produzione è il seguente: 240222 26/01/22. Si tratta del salame sfuso da 170 g che riporta la seguente data di scadenza: 15-07-2022.

Questo prodotto, come potete vedere anche dallo screenshot riportato qui nell’articolo, arriva dallo stabilimento di Via Zanasi 24 Castelnuovo Rangone MO. Il motivo del richiamo è che questo salame non è conforme ai requisiti di sicurezza alimentare. Nello specifico c’è la possibile presenza di Salmonella e di Listeria.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Richiamo alimentare: presenza di salmonella nei wurstel, i dettagli

Naturalmente le avvertenze per tutti i consumatori sono le seguenti: non consumare il prodotto appena descritto nella scheda pubblicata. Se doveste accorgervi di averlo acquistato riportarlo subito nel punto vendita.

Salmonella e Listeria: approfondimento

Salmonella e Listeria sono due tipi di batteri responsabile di un’intossicazione alimentare in quanto si possono facilmente trovare in alcuni alimenti. La salmonella può essere presente in carne e uova, oppure può formarsi durante alcuni meccanismi di lavorazione se non eseguiti correttamente. La listeria, invece, si può ampiamente trovare nel latte e nei suoi derivati.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Allerta alimentare: formaggio contaminato e ritirato, il prodotto a rischio

Queste tipologie di batteri possono scatenare un’infezione nel nostro organismo, se assume alimenti contaminati. I sintomi di salmonella sono crampi, nausea, vomito e diarrea, uguali a quelli della listeriosi dove può comparire anche la febbre e i dolori muscolari. Se trattate in tempo queste condizioni, con un ciclo di antibiotici e i consigli del medico, possono essere risolte in poco tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *