Bottiglie per catturare le zanzare, come creare la trappola perfetta

In che modo vanno utilizzate le bottiglie per catturare le zanzare, cosa che rappresenta un metodo economico ed efficace.

Una bottiglia di plastica vuota
Una bottiglia di plastica vuota (Pixabay)

Bottiglie per catturare le zanzare, il metodo è estremamente facile da attuare. Non avremo bisogno per l’appunto che di qualche bottiglia di plastica sulla quale intervenire, per poi piazzarla nei punti strategici di casa. Così facendo creeremo delle trappole efficaci, dal costo praticamente nullo, ed abbasseremo in maniera sensibile attorno a noi la presenza di quelli che sono gli insetti più fastidiosi che esistano.

Questo trucco delle bottiglie per catturare le zanzare è molto efficace e si lascia preferire all’impiego di insetticidi e prodotti vari, che invece possono avere un impatto sull’ambiente. Non solo per le sostanze emesse nell’atmosfera ad ogni utilizzo ma anche per via dello smaltimento dei loro contenitori, spesse volte costituito da materiali in plastica lavorata.

Le bottiglie per catturare le zanzare sono invece costituite da PET, ovvero da polietilene tereftalato riciclabile. Oltre a questo, ci servirà qualche altro ingrediente che tutti quanti noi abbiamo a portata di mano in casa.

Bottiglie per catturare le zanzare, la migliore trappola che ci sia

Creazione della trappola anti zanzare ed insetti in corso
Creazione della trappola anti zanzare ed insetti in corso (Pixabay)

L’occorrente per creare delle bottiglie per catturare le zanzare è il seguente, oltre ad una o quante bottiglie si desiderano, di quelle da almeno un litro:

  • qualche grammo di lievito;
  • 200 cl di acqua calda;
  • 50 grammi di zucchero;

Prendiamo la bottiglia e tagliamola appena prima che compaia l’etichetta, per staccarne solo la parte superiore dove è incluso il collo. Nella parte inferiore versiamo l’acqua, lo zucchero ed il lievito e mescoliamo. Quindi capovolgiamo la parte del collo per incastrarla nella parte inferiore, dopo avere rimosso il tappo.

In tale modo avremo creato una trappola entro la quale le zanzare, e solitamente di giorno anche altri insetti come le vespe, le api, i calabroni e le mosche, entreranno perché attirate dal contenuto posto all’interno. Da lì però non riusciranno più ad uscire perché non sono in grado di volare in verticale.

Potrebbe interessarti anche: Estate, insetti più pericolosi: quali sono, pericoli, morso, prevenzione

Cosa attira zanzare ed altri insetti all’interno

E per qualche strano motivo, non riusciranno a raggiungere l’uscita neppure zampettando sulla superficie della bottiglia. Una volta entrato, nessun esserino sarà più in grado di uscire. La trappola in questione funzionerà, come detto, tanto con le zanzare quanto con api, vespe e calabroni perché all’interno della stessa, l’unione di acqua, zucchero e lievito produrrà anidride carbonica. Situazione che trarrà in inganno tali insetti.

Potrebbe interessarti anche: Insetti e animaletti in casa? Ecco come tenerli lontani con la carta stagnola

La Co2 attrae le zanzare sugli esseri umani e li porta poi a pungerli perché dal sangue umano le stesse traggono i nutrienti che servono loro per deporre le uova. Difatti sono solo le femmine a pungere. Con vespe, api e calabroni invece la presenza di anidride carbonica li ingannerà in quanto suggerirà loro la presenza di eventuali prede più piccole delle quali si cibano abitualmente, oltre al nettare dei fiori.

Potrebbe interessarti anche:  Come tenere lontani gli insetti, tre ingredienti per stare al sicuro

Anche versando un mezzo bicchiere di coca o di bibita frizzante dovrebbe sortire lo stesso effetto, in alternativa. Il metodo va applicato cambiando ogni giorno il contenuto della bottiglia e sciacquando per bene la stessa. Esistono comunque diversi altri metodi sempre fai da te e naturali per tenere alla larga ogni tipo di insetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *