Chi sono gli Alcolisti Anonimi e quali sono i 12 passi per uscire dall’alcolismo

Cerchiamo di capire meglio chi sono gli Alcolisti Anonimi e quali sono i 12 passi del programma che aiutano a uscire dall’alcolismo.

alcol
Alcol (Pixabay)

L’alcol crea dipendenza. Questo significa che la persona ne diventa dipendente e non riesce a controllarsi, cercando in continuazione bevande alcoliche. Chi beve molto sviluppa anche una certa tolleranza e, quindi, per ottenere l’effetto desiderato la persona deve bere sempre di più. Questo è un vero e proprio problema della società e per questo è nata un’associazione per poterlo risolvere: gli Alcolisti Anonimi.

Alcolisti Anonimi nasce negli Stati Uniti, ma ad oggi sono presenti in 160 Paesi del mondo e hanno all’attivo più di 100.000 gruppi di autoaiuto. Quando si parla di anonimato, questo aspetto è rivolto all’esterno del gruppo. All’interno non c’è anonimato, ma ogni persona si racconta, trova insieme agli altri la forza si combattere la dipendenza in un percorso guidato.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> L’alcol causa danni ai polmoni: ecco come influisce

All’interno del gruppo tutti sono uguali e hanno in comune un problema da risolvere. Condividendo e sostenendosi a vicenda, moltissimi ne escono. Soprattutto dopo aver seguito il programma dei 12 passi. Cerchiamo di capire meglio che cos’è.

Alcolisti Anonimi: il programma dei 12 passi per uscire dall’alcolismo

bicchiere alcol
Bicchiere (Pixabay)

L’Associazione Alcolisti Anonimi nasce negli Stati Uniti nel 1935 da un’idea di un medico e un agente di borsa, entrambi dipendenti dall’alcol. Bob Smith e Bill Wilson hanno capito che per rimanere sobri dovevano sostenersi a vicenda e hanno iniziato a organizzare dei gruppi di incontro con persone che stavano vivendo esattamente la loro stessa situazione.

Hanno deciso di considerare come data di inizio di questo progetto il 10 giugno, data in cui il medico è rimasto sobrio per la prima volta. I gruppi di autoaiuto hanno iniziato a diffondersi e poco tempo dopo, nel 1939, è stato reso noto il programma dei 12 passi, adottato poi in tutto il mondo.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Come l’alcol incide sul cervello: lo può rimpicciolire

Questi 12 passi sono un elenco di principi guida, non sono regole fisse, ma dei suggerimenti che negli anni sono stati perfezionati in base all’esperienza e che ognuno può interpretare in base alla propria situazione e alla propria sensibilità. Ecco quali sono questi principi.

I 12 passi

  • Ammettere di essere impotenti di fronte all’alcol e aver perso il controllo sulla propria vita
  • Credere che un potere più grande possa ricondurre alla ragione
  • Decidere di affidare la volontà e la vita a Dio
  • Fare un “inventario morale” profondo senza avere paura di se stessi
  • Ammettere di fronte a Dio, se stessi e un’altra persona il torto e la sua natura
  • Essere pronti al fatto che Dio possa cancellare tutti questi difetti
  • Chiedere con umiltà di eliminare questi difetti
  • Fare un elenco di tutte le persone che si sono ferite ed essere pronti a rimediare agli sbagli
  • Cercare di fare ammenda direttamente con queste persone
  • Continuare a fare l’inventario personale e ammettere subito di avere torto, quando succede
  • Con preghiera e meditazione cercare di ricevere la forza da Dio per eseguire la sua volontà
  • Ottenendo il risveglio spirituale, cercare di portare questo messaggio agli alcolisti e portare avanti questi principi nella propria vita

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Alcool, cosa succede man mano che si invecchia?

Il primo passo è quello più difficile perché si tratta di riconoscere il proprio problema e di chiedere aiuto per risolverlo. Nei passi successivi, invece, ci si rifà a Dio, che può essere comunque inteso anche come una forza spirituale superiore che deve aiutare perché da soli non si può fare. Molto importante l’analisi interiore e l’affrontare tutti gli sbagli commessi. Il “guardare in faccia la realtà”, “fare ammenda”, cercare di risolvere i danni arrecati, sono attività che devono seguire immediatamente la consapevolezza.

Un altro concetto fondamentale che gli Alcolisti Anonimi cercano di portare avanti e condividere con le persone è l’umiltà. Soltanto in questo modo si può affrontare il percorso nel modo giusto. Una volta chiesto aiuto, affrontato i propri problemi e, magari, averlo risolti completamente, il gruppo invita le persone a fare lo stesso con altre che vivono la stessa situazione.

Numeri utili

Alcolisti Anonimi Italia – Numero verde: 800 411 406

Telefono Verde Alcol (Istituto Superiore Sanità): 800 632000

SOS Alcolismo – Numero Verde Alcolisti 800 178796

Chi ha bisogno di aiuto per sé o per un familiare, o un amico, può chiamare questi numeri, chiedere soltanto informazioni, oppure farsi indicare i centri riabilitativi più vicini ai quali potersi rivolgere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *