Farmaci per curare asma e allergie: attenzione a questo effetto collaterale sul cervello

Un recente studio ha scoperto che i farmaci comunemente impiegati per curare l’asma e le allergie possono provocare un effetto collaterale sul cervello: ecco cosa sapere a riguardo.

Asma farmaci cervello
Donna con inalatore (Canva)

L’uso prolungato nel tempo di alcune medicine usate per tenere sotto controllo i disagi provocati dall’asma e dall’allergia rischia di alterare la materia bianca del cervello. A sostenerlo è una ricerca scientifica, che ha messo in luce le controindicazioni associate alle sostanze glucocorticoidi, assunte per via inalatoria o orale. Scopriamo nel dettaglio quali sono i possibili danni provocati da questi farmaci.

Glucorticoidi: attenzione alle controindicazioni

I glucorticoidi sono molecole sintetiche simili al cortisolo, che svolgono un’azione antinfiammatoria più potente rispetto a quella dei FANS.

Cervello
(Canva)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

I farmaci più comuni a base di questa sostanza sono:

  • betametasone;
  • prednisone;
  • budesonide;
  • ciclesonide.

L’uso di medicinali che contengono glucorticoidi viene prescritto per la cura di particolari patologie, tra cui:

  • broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO);
  • morbo di Chron;
  • eczema;
  • lupus;
  • sclerosi multipla;
  • artrosi;
  • artrite reumatoide.

Cervello: l’effetto collaterale dei farmaci per asma e allergia

I medicinali a base di glucorticoidi sono stato associati a una riduzione dell’integrità della sostanza bianca del cervello.

Si tratta del tessuto che forma le connessioni tra il sistema nervoso e le cellule cerebrali. La sua alterazione è alla base di disturbi come:

  • Depressione;
  • Ansia;
  • Irritabilità;
  • Problemi di memoria;
  • Difficoltà di concentrazione.

Inoltre, l’assunzione di farmaci steroidei può causare un decremento del volume del cervello. Tuttavia, non occorre allarmarsi: i medici sanno che questa controindicazione è transitoria. Infatti, una volta interrotta la terapia, l’organo tornerà delle dimensioni normali.

Anche per quanto riguarda gli altri effetti collaterali, sebbene lo studio abbia indiscutibilmente associato i medicinali ai sopracitati disturbi sul cervello, ci sono una serie di limiti che rimangono da esaminare.

In primo luogo, è fondamentale stabilire in che quantità gli steroidi assunti possono provocare la riduzione della materia bianca cerebrale. Inoltre, occorre precisare se ci sia differenza tra l’assunzione orale o mediante inalatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.