Come togliere le macchie di acqua dal vetro e non lasciare graffi

I consigli utili da applicare su come togliere le macchie di acqua dal vetro evitando la formazione di segni sulle superfici.

Una donna mentre lava un vetro
Una donna mentre lava un vetro (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:
Riscaldamento alternativo, come costruire una stufa fai da te in 2′
Crisi energetica, alcune misure sono già operative: quali sono
Emergenza caldaia, le limitazioni previste: cosa accadrà a breve
Carta Acquisti, il prezioso strumento per le spese indispensabili

Come togliere le macchie di acqua dal vetro? Questo problema può interessare diversi ambiti, sia domestici che non. Pensate a quando laviamo gli infissi, oppure un tavolino fatto proprio in vetro. Oppure a quando ci decidiamo finalmente di pulire il parabrezza, il lunotto posteriore oppure i finestrini laterali dell’auto.

In non poche situazioni possono permanere degli aloni derivati da quanto abbiamo appena fatto. E quindi come togliere le macchie di acqua dal vetro? Perché possono risultare decisamente antiestetiche. E nel caso dell’auto possono anche concorrere ad ostruire la visuale, specialmente in condizioni di scarsa luminosità.

Anzitutto è bene dire che le macchie da acqua avvengono nelle situazioni in cui la stessa sia particolarmente ricca di minerali. È proprio da qui che sorgono le concentrazioni di calcare, che possono di sovente interessare anche elettrodomestici come la lavatrice e la lavastoviglie. Il come togliere le macchie di acqua dal vetro è comunque un qualcosa di davvero semplice da fare.

Come togliere le macchie di acqua dal vetro, pulire il calcare e non lasciare graffi

Un vetro con delle gocce di acqua
Un vetro con delle gocce di acqua (Pixabay)

Come in tante altre situazioni, anche nel caso di un vetro da dovere detergere al meglio arrivano in nostro soccorso i fidati aceto bianco e bicarbonato di sodio. Li possiamo impiegare sia singolarmente, misti ad un pochino di acqua, che mescolati tra loro. In quest’ultimo caso daremo vita ad una soluzione schiumosa da cospargere sul vetro da pulire.

Strofiniamo quindi con una spugna liscia o con un panno in microfibra, per ricoprire ogni parte della superficie, dando poi una passata con della pelle di daino in maniera opzionale. Per l’asciugatura torna anche utile il collaudato sistema dei fogli dei giornali, sempre efficace nel caso dei vetri dell’auto.

Per togliere dei residui di calcare induriti torna utile pure il dentifricio. Il quale è efficace anche contro le scottature, se applicato e cosparso immediatamente. Il dentifricio toglie le macchie di acqua dopo averlo mescolato sempre con acqua – ne basta una quantità direttamente proporzionale alle dimensioni dell’alone da eliminare – e dopo averlo lasciato agire per circa una decina di minuti.

Fatto questo, strofinate con delicatezza e poi asciugate. Infine va bene anche impiegare un olio essenziale, meglio se agli agrumi. Anche in questo caso bisogna cospargere, lasciare agire per qualche istante ed infine ripulire asciugando con un tessuto liscio, per non lasciare graffi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd