Agopuntura: benefici e retroscena di questa tecnica molto particolare

Proveniente dalla Cina, l’agopuntura è un tipo di medicina alternativa che utilizza l’inserzione di aghi all’interno del corpo per promuovere il benessere, ma quali sono i benefici di questa tecnica? Scopriamoli insieme.

agopuntura
Agopuntura (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

È possibile trovare il benessere del corpo in diversi modi e c’è chi lo fa attingendo a una tecnica davvero particolare ma a quanto pare efficace.

Si tratta dell’agopuntura, una disciplina che nasce dall’idea che la salute dell’organismo sia determinata dall’interazione tra le funzioni energetiche del corpo e la mente, e che per sbloccare determinati flussi energetici è possibile farlo stimolando dei punti  precisi attraverso gli aghi. Una pratica che potrebbe essere vista come dolorosa, ma che in realtà ha in serbo diversi benefici per l’organismo.

I benefici dell’agopuntura, la medicina alternativa che agisce con gli aghi

agopuntura
Agopuntura (Pixabay)

Potrebbe sembrare strano pensare di farsi infilzare degli aghi nella pelle per ottenerne dei benefici, eppure è così. La testimonianza proviene anche da Francesco Marino, Specialista in Anestesia e Rianimazione e in Terapia del dolore presso l’Istituto Clinico Beato Matteo di Vigevano, il quale ha affermato che l’agopuntura può essere vista come una medicina complementare a quella convenzionale, usata per il trattamento di alcune patologie, quali ad esempio tendinopatia, sciatica, emicrania, cefalea e molte altre.

Ciò che fa sostanzialmente il medico consiste nel piazzare gli aghi in punti specifici relazionati al dolore. Si tratta di aghi sottili, che penetrano solo per pochi millimetri nella pelle, al fine di rendere la procedura non dolorosa. Dopo essere stati applicati, questi aghi vengono mantenuti nella stessa posizione dai 15 ai 30 minuti; il tempo sufficiente per fare in modo che l’organismo torni in uno stato ottimale grazie al riequilibrio delle forze vitali e attraverso uno sblocco del flusso energetico.

Secondo alcune ricerche scientifiche, questa pratica avrebbe diversi benefici, quali la stimolazione della produzione di sostanze antinfiammatorie naturali (endorfine e neuromediatori) e analgesiche da parte delle cellule; il blocco della trasmissione del dolore e la sua chiusura impedendone il passaggio. Inoltre, gli aghi favoriscono un’azione antinfiammatoria e rilassante sui muscoli. Per ottenere i benefici indicati, l’ideale sarebbe sottoporsi a questa pratica 1 volta alla settimana per un massimo di 10 sedute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.