Sostituire l’olio in cucina è possibile ed è una scelta molto sana: ecco come fare

Sostituire l’olio in cucina è possibile ed è una scelta molto sana: ecco come fare e quali sono i vantaggi che possiamo ricavarne

Olio di oliva come sostituirlo
Olio di oliva (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI->

L’olio è sicuramente tra gli elementi più usati in cucina, e questo può creare problemi per tutti coloro i quali avranno necessità di sostituirlo nella dieta. Non è possibile infatti eliminare l’olio senza pensare a qualcosa che lo sostituisca, vista la diffusione che ha nella nostra dieta. Ma, per quanto possa sembrare storia difficile, esiste più di un alimento che può sostituirlo, con una piccola attenzione da fare tra ricette dolci e ricette salate.

Sostituire l’olio in cucina: si può davvero fare? Le possibilità sono anche più d’una

Dimagrire non è mai storia facile, specie visto che il nostro bel paese ci offre una così ampia scelta, per quanto riguarda, la tavola e la gola, che ingrassare è…un gioco da ragazzi. Però la più celebre dieta, la dieta mediterranea, è ben conosciuta altresì per essere tra le più equilibrate e sane. E se c’è un protagonista indiscusso in questa, è sicuramente l’olio. E tuttavia non è sempre possibile consumarlo: può esserci più di una ipotesi per la quale ci troviamo a dover rinunciare a questo celebre condimento. In tal caso, specie se siamo abituati da sempre ad usarlo, può essere abbastanza complesso.

Ma è davvero possibile la sostituzione dell’olio? La risposta è un gigantesco si, sia che si stiano considerando ricette dolci, sia ricette salate. Per le ricette dolci abbiamo l’imbarazzo della scelta: possiamo sostituirlo con lo yogurt o con la purea di mele. Per le ricette salate, invece, la conversione immediata che si fa è quella con il burro e lo strutto, ma diciamocelo non sono proposte molto sane.  Viene proposta una possibilità molto più sostenibile, anche a livello di dieta. Questa ipotesi  è l’avocado.

L’avocado infatti è ricchissimo di grassi saturi e polinsaturi e di una miriade di oligoelementi che lo rendono un valido sostituto. Sottolineiamo sostituto, perché non si dovrebbe mai associare l’uno all’altro.  Si calcola che circa trenta grammi di avocado corrispondono dieci di olio. Inoltre, l’olio di avocado ha un alto punto di fumo che lo rende facilmente utilizzabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.