Quali sono le cause del singhiozzo e come farlo smettere in poche mosse

Rimedi singhiozzo, come farlo smettere quando sorge e cosa fare nel caso in cui dovesse diventare persistente. Tutti i consigli.

Una donna preda del singhiozzo
Una donna preda del singhiozzo (Foto Canva)

Singhiozzo come farlo smettere: quali sono i consigli da seguire quando sorge un improvviso attacco che non riusciamo proprio a fermare? Questo imprevisto potrebbe manifestarsi in qualsiasi momento. Si tratta di una contrazione che avviene in maniera involontaria al muscolo diaframma, nel corso della respirazione.

Il diaframma viene regolato da quello che è il nervo frenico. Una alterazione dello stesso fa si che sorga poi il singhiozzo. Ci sono alcuni studi appositamente condotti che dimostrano poi come pure il cervello giochi un ruolo non irrilevante in tutto ciò. Quando sorge il singhiozzo come farlo smettere è la prima cosa alla quale pensiamo.

A volte tale fenomeno fisico compare durante il nostro mangiare o bere, od anche come reazione improvvisa ad un evento inatteso. Ed abbiamo anche gli sbalzi di temperatura, l’assunzione di alcolici, la presenza eccessiva di aria nello stomaco o delle dilatazioni non controllabili dello stesso a provocare il sorgere del singhiozzo. Come farlo smettere in questi casi?

Singhiozzo come farlo smettere, i rimedi consigliati

Una ragazza assalita da un singhiozzo improvviso
Una ragazza assalita da un singhiozzo improvviso (Foto Canva)

Il consiglio base per fare passare il singhiozzo è quello di cercare di trattenere il respiro dopo avere compiuto una ingente aspirazione. Poi c’è anche chi consiglia di bere numerosi sorsi di acqua. In condizioni normali comunque il singhiozzo passa da solo, a volte senza che ce ne accorgiamo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —> Dormire 💤 il pomeriggio potrebbe non essere una buona idea: cos’hanno scoperto gli scienziati

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —> Diabete: i sintomi insospettabili che in molti hanno e che potresti avere anche tu

Ci sono anche casi documentati clinicamente di singhiozzi persistenti, capaci invece di durare anche per dei giorni. In queste situazioni il campanello di allarme deve scattare se tale condizione mantiene un livello di cronicità una volta trascorsi due giorni. Questo è uno dei sintomi della pericardite, per dire.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —> Mai dormire in questa posizione se vuoi riposare bene: fai così e vedrai che differenza

La pericardite è una infiammazione del rivestimento esterno del cuore. Infine, uno dei rimedi più noti consiste nell’annusare del pepe, che molto facilmente può portarci a starnutire ed a correggere quanto ci sta accadendo in quel momento.

NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Oppure possiamo ingoiare un cucchiaio di zucchero, od un cucchiaino di succo di limone, od esercitare una pressione sui padiglioni auricolari. In questi modi dovrebbe passarci tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.