Lo chiamano il “tè dei faraoni” e possiede delle proprietà incredibili

In che cosa consiste il cosiddetto “tè dei faraoni”, che ha una storia lunghissima alle spalle. Quali sono le sue proprietà ed i possibili effetti imprevisti che la sua assunzione può comportare.

Una tazza di tè all'ibisco
Una tazza di tè all’ibisco (Foto Canva – Inran.it)

Tè dei faraoni, un nome davvero altisonante per questa bevanda. Si tratta del karkadè, il cui sapore è veramente caratteristico. In molti lo conoscono anche come “tè all’ibisco” e proviene dall’Africa. Perché è speciale? Anzitutto per il gusto che chi lo beve percepisce. La sensazione lasciata è a metà tra le ciliegie e l’amarena.

Ma il tè dei faraoni è molto più di questo. Come è possibile intuire, il suo uso era noto già nell’Antico Egitto. Ed era riservato soltanto agli altissimi rappresentanti politici e religiosi dell’epoca. I capostipiti delle varie dinastie che si sono succedute tra loro a partire dal terzo millennio prima di Cristo hanno conservato la consuetudine di concedersi questa bevanda.

C’è pure una testimonianza diretta di quanto il te dei faraoni fosse apprezzato. Infatti esiste un riferimento diretto a questa bevanda all’interno di un papiro che risale a circa il 1550 a.C. e che è noto come “Papiro Ebers”. Ad esso già allora venivano attribuite anche delle proprietà medicamentose.

Tè dei faraoni, perché fa bene: le proprietà

Dei petali essiccati di ibisco
Dei petali essiccati di ibisco (Foto Canva – Inran.it)

Si può bere tanto freddo quanto caldo e molto probabilmente già all’epoca dei faraoni il tè all’ibisco veniva gustato con l’aggiunta di miele o di altri ingredienti che fungevano da dolcificanti. La stessa cosa avviene oggi.

DAI UNO SGUARDO ANCHE A QUESTI CONTENUTI: Mangiare troppo sale fa malissimo al corpo: quello che accade è sconcertante, fai attenzione

L’ingrediente principale è estrapolato dagli involucri che si sviluppano intorno al baccello del seme dell’Hibiscus Sabdariffa. Come detto, la terra di origine di questa pianta è l’Egitto, come anche il vicino Sudan, dove il clima è molto caldo e secco.

DAI UNO SGUARDO ANCHE A QUESTI CONTENUTI: 9 consigli che probabilmente non conosci per dimagrire senza fare sacrifici

Tale pianta richiede per l’appunto una grossa e prolungata esposizione al Sole. Le proprietà individuate nel tè dei faraoni consistono in un ricco apporto di:

  • acidi vegetali (acido citrico ed acido tartarico);
  • vitamina C;
  • antiossidanti;
  • antociani;
  • flavonoidi;
  • pectina;
  • polisaccaridi mucosi;
  • fitosteroli;
  • minerali (fosforo, calcio, zinco, ferro, rame e magnesio).

DAI UNO SGUARDO ANCHE A QUESTI CONTENUTI: Allenamento anche quando sei a letto: questi esercizi non sono stancanti e fanno molto bene alla salute

Questa bevanda fa molto bene sia per rinforzare il sistema immunitario che per fare da integrazione ad una dieta. Infatti è perfetta per essere bevuta la sera prima di andare a dormire. Inoltre ci sono studi che confermano come la stessa faccia bene anche contro l’ipertensione ed il diabete di tipo 2 e come sia un ottimo antinfiammatorio, antisettico ed antibatterico.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Chiudiamo con le controindicazioni note dell’ibisco. Ci sono effetti lassativi ed in alcuni casi potrebbe sorgere un effetto epatotossico. Inoltre si consiglia alle donne incinte di non assumere l’ibisco, o almeno di chiedere il consulto di un medico prima di procedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.