Il 31 gennaio è l’ultimo giorno utile per richiedere questo bonus: non perdere altro tempo

In che cosa consiste il bonus che scade il 31 gennaio e cosa è necessario fare allo scopo di avere la copertura richiesta e l’importante aiuto economico previsto.

Tre banconote da cinquanta euro
Tre banconote da cinquanta euro (Foto Canva – Inran.it)

Il 31 gennaio un bonus ci saluta. Per cui restano solamente pochi giorni per potere compilare l’apposita domanda ed ottenere la cifra che tale misura di provvedimento mette a disposizione. Si tratta di un provvedimento di supporto tra i tanti ai quali milioni di italiani hanno fatto ricorso durante gli ultimi dodici mesi.

Il bonus in scadenza il 31 gennaio in particolare è uno tra quelli che lo Stato ha concepito con il preciso scopo di contrastare la crescita incontrollata dell’inflazione, giunta purtroppo all’11% circa. Oltre che per tamponare il caro vita e l’impennata dei prezzi avvenuti già a partire dall’inizio del 2022.

Vale la pena dunque completare la richiesta per il bonus che scade il 31 gennaio 2023. Infatti non dovrebbe risultare particolarmente difficile rientrare nell’ambito della copertura che tale misura offre. Ci sono dei requisiti da rispettare ma che non appaiono restrittivi.

Questo bonus scade il 31 gennaio 2023, come richiederlo online all’INPS

Una persona che porge dei soldi
Una persona che porge dei soldi (Foto Canva – Inran.it)

Il bonus in questione è quello cosiddetto “150 euro” ed è necessario contattare l’INPS o la propria Cassa di riferimento entro l’ultimo giorno di gennaio del 2023 allo scopo di ottenerlo. Una cosa che è possibile fare o in piena autonomia o avvalendosi dell’aiuto di un Patronato CAF tra i tanti presenti sul territorio nazionale.

TI POTREBBE PIACERE ANCHE QUESTO CONTENUTO: Bonus INPS di 500 euro a persona: requisiti e come presentare la richiesta

Questo bonus offre una indennità una tantum. Vuol dire che il fruitore avente diritto potrà usufruirne una volta sola. I 150 euro in questione sono riservati a delle specifiche categorie di lavoratori. Potranno infatti ottenerli:

  • i collaboratori coordinati e continuativi (CO.CO.CO);
  • i dottorandi con borsa di studio;
  • gli assegnisti di ricerca;
  • i lavoratori stagionali e intermittenti;
  • i lavoratori dello spettacolo.

TI POTREBBE PIACERE ANCHE QUESTO CONTENUTO: Bonus Casa nel 2023: requisiti, come funziona e quali sono le agevolazioni per chi vuole acquistare

Occorre essere in possesso dei requisiti indicati dalla Circolare INPS n.127/2022. Nel caso dei lavoratori intermittenti e stagionali, è possibile avanzare richiesta del bonus solamente nel caso in cui il datore di lavoro non abbia già concesso tale bonus all’interno della busta paga di novembre 2022.

TI POTREBBE PIACERE ANCHE QUESTO CONTENUTO: Pagamenti INPS di gennaio: ecco quando arriveranno i soldi del bonus di 200 euro

Altre categorie di lavoro incluse nella copertura della misura sono:

  • lavoratori dipendenti;
  • titolari di disoccupazione agricola;
  • titolari di Reddito di Cittadinanza;
  • titolari di Naspi, Dis-Coll o indennità Covid-19;
  • lavoratori domestici.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

La cifra contemplata verrà ricevuta o in busta paga o tramite accredito diretto da parte dell’INPS. È obbligatorio in tutti i casi non avere un reddito annuo lordo che superi i 20mila euro di tetto massimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.