Little Lady, la mini orchidea 🌺 che ti farà innamorare al primo sguardo | Cura e coltivazione

Innanzitutto, è importante conoscere alcune informazioni di base sulle orchidee per capire meglio come dovrete prendervene cura.

Mini orchidee
Orchidea (Canva) Inran.it

Le mini orchidee, come le orchidee di dimensioni standard, sono disponibili in una varietà di colori diversi. Possono essere rosa, bianche, viola e gialle; ci sono anche varietà di colori “originali” come il verde e l’arancione. Poiché le mini orchidee sono più compatte della loro controparte a grandezza naturale, spesso hanno fiori più piccoli, che però mantengono un colore vibrante pari a quello delle orchidee più grandi.

Little Lady: come prendersi cura della mini orchidea

Mini orchidea
Orchidea (Canva) Inran.it

La maggior parte delle mini orchidee fiorisce per diversi mesi, a patto che siano curate in modo adeguato; il tempo di fioritura può variare a seconda della salute dell’orchidea e della varietà specifica. Le orchidee devono essere annaffiate ogni 1-2 settimane, secondo le necessità, a seconda della temperatura, dell’umidità, della circolazione dell’aria e dei livelli di luce della vostra casa.
NON PERDERTI ANCHE –> Come avere un viso perfettamente liscio, luminoso e morbido: il rimedio che devi conoscere

Come le orchidee più grandi, anche le mini orchidee possono essere lasciate asciugare leggermente tra un’annaffiatura e l’altra senza problemi. Per capire se la vostra orchidea ha bisogno di acqua, dovrete esaminare il terreno e le radici. Quando le radici sono bianche o grigie, è il momento di fare una doccia: dopo aver annaffiato, noterete che le radici assumono un colore verdastro. Toccate il terreno: se è asciutto a circa 5 cm di profondità, è il momento di annaffiare; se il terreno è ancora umido, potete aspettare.
LEGGI ANCHE QUESTO ARTICOLO –> Serve veramente mettere delle fette di cetrioli sugli occhi? Facciamo luce sulla questione

Le orchidee amano essere annaffiate dal basso. Immergete la vostra mini-pianta nell’acqua per circa 15 minuti e poi scolatela accuratamente fino a quando l’acqua in eccesso non sarà sgocciolata. Non lasciate mai che l’acqua si accumuli nella fioriera, perché potrebbe causare problemi che vanno dalla formazione di muffa e marciume radicale all’attrazione di parassiti come gli insetti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO –> Porri sulla cute: perché si formano e come eliminarli una volta per tutte

Programma di concimazione

Non è necessario concimare la mini orchidea durante il periodo di crescita attiva e di fioritura (di solito, da aprile a settembre), poiché ciò potrebbe alterare il ciclo di crescita o addirittura stressare eccessivamente la pianta. Negli altri periodi, potete nutrirla due volte al mese con un fertilizzante a 1/4 di forza. Si consiglia un fertilizzante bilanciato come il 12-12-12 o un rapporto simile. Se si vuole favorire la fioritura di una pianta non in fiore, si consiglia di utilizzare un fertilizzante ad alto contenuto di fosforo (come il 10-30-20).
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Requisiti di luce

Le mini orchidee amano una luce indiretta di intensità da media a intensa. Osservate attentamente la vostra pianta per vedere come reagisce a determinati tipi di luce e spostatela di conseguenza. L’ideale è una finestra esposta a nord-ovest o a sud-est. La luce diretta del sole può bruciare le foglie e provocare la caduta prematura dei boccioli. Se necessario, utilizzate delle tende per proteggere la pianta dalla luce diretta del sole, soprattutto da maggio a settembre.

Controllate regolarmente che le foglie della vostra mini-orchidea non si scoloriscano, come ad esempio macchie gialle, segno che sono bruciate dalla luce del sole; in questo caso, spostate l’orchidea in una zona meno soleggiata. Se invece la pianta non riceve abbastanza luce, le foglie si afflosciano e diventano verde scuro. Le orchidee prosperano in ambienti ad alta umidità: considerate di collocare la vostra pianta in bagno, di predisporre un vassoio per l’umidità o di acquistare un umidificatore.

Consigli per il rinvaso

Come ogni pianta da interno, anche le mini orchidee hanno bisogno di essere rinvasate di tanto in tanto. Il rinvaso permette alle radici di avere più spazio per crescere e contribuisce a ridurre le possibilità di sovraffollamento, marciume radicale e altri problemi. Dovreste rinvasare la vostra orchidea ogni 18-24 mesi; assicuratevi di combinare il terriccio fresco con un po’ di terriccio esistente nella fioriera precedente, ma solo se questo terriccio è completamente asciutto.

Cura invernale

In inverno, le mini orchidee sono solitamente fuori dal loro periodo di crescita attiva: ciò significa che non fioriranno, avranno bisogno di meno acqua e di nessun fertilizzante.

Durante la stagione fredda, è necessario collocare la mini orchidea in un luogo in cui riceva molta luce solare indiretta: questo aiuterà la pianta a prepararsi a rifiorire quando la temperatura si alzerà nuovamente. Per ottenere risultati ottimali, tagliate lo stelo della pianta non fiorita appena sopra la corona; in questo modo si formerà un nuovo stelo che spunterà verso la fine dell’inverno o in primavera, a seconda di quanto tempo è passato dalla fioritura della pianta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.