Come riutilizzare le foglie dei carciofi: soluzioni saporite ed economiche

Come riutilizzare le foglie dei carciofi, i segreti per non sprecare in cucina. Vediamo cosa è possibile preparare con le foglie di carciofi.

carciofi
(Foto Pixabay)

Attualmente lo spreco alimentare è all’ordine del giorno, eppure in passato sprecare il cibo era un sacrilegio.

Infatti nei secoli scorsi si faceva di tutto per non sprecare e si riusciva ad utilizzare ogni parte di un frutto o una verdura. Addirittura si ottenevano altre pietanze a volte anche più buone delle principali.

Questa cultura di non sprecare il cibo pian piano sta ritornando ed in questo articolo andremo a vedere, a proposito di sprechi, come riutilizzare le bucce dei carciofi.

Qualche suggerimento utile ed intelligente, salva spreco e salva ambiente. Vediamo come riutilizzare le foglie dei carciofi.

Come riutilizzare le foglie dei carciofi

Come riutilizzare le bucce dei carciofi, questi eccezionali alimenti ricchi di vitamine e minerali.

carciofi
(Foto Pixabay)

Il carciofo è una pianta dotata di numerose proprietà farmacologiche; tra le proprietà principali si ricordano quelle antiossidante, epatoprotettiva, coleretica, colagoga e antilipidemica.

Il carciofo è ricco di vitamina C, e vitamine del gruppo B, ma anche vitamina K, utile nella prevenzione dell’osteoporosi, ferro e rame oltre a sodio, potassio, fosforo e calcio.

Questo ortaggio è possibile impiegarlo in diverse ricette e allo stesso modo anche dalle sue foglie è possibile ricavare diversi trucchetti per riutilizzarle.

Il carciofo può essere consumato sia cotto che crudo ed è utilizzato anche per preparare rimedi fitoterapici.

Ecco i metodi per riutilizzare le bucce dei carciofi:

  • acqua di carciofo;
  • crema di carciofo;
  • maionese vegana ai carciofi.

Acqua di carciofo

L’acqua di carciofo è una bevanda detox, che aiuta a depurare il fegato e a migliorare la digestione.

Si tratta dell’acqua in cui è stato cotto questo ortaggio, dove durante la cottura, si sono disperse la maggior parte delle vitamine, dei sali minerali e delle altre sostanze.

La preparazione è molto semplice basta togliere solo le foglie più esterne del carciofo e dopo averle lavate, inserirle in una pentola con dell’acqua, portare ad ebollizione e lasciare cuocere per circa 15 minuti.

Potrebbe interessarti anche: Lasagna light carciofi e besciamella delicata: bontà e leggerezza

Crema di carciofi (con foglie di carciofi riutilizzate)

Non solo acqua ma anche una crema per condire o da spalmare. Un’altra ricetta per riutilizzare le foglie dei carciofi e non buttarle via.

Questa volta ci occorreranno delle dosi per poter ottenere una crema gustosa e semplice per ridurre gli sprechi alimentari e risparmiare anche qualche soldino.

Ingredienti:

  • 320 di foglie di carciofi
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 cucchiaino di curry
  • sale q.b

Procedimento

Lavare le foglie dei carciofi, metterle in una pentola piena d’acqua insieme all’aglio sbucciato, aggiungere anche il curry e portare a bollore.

Cuocere per circa quarantacinque minuti, salare e togliere dal fuoco una volta cotta.

A questo punto passare le foglie con un passaverdure (non utilizzare un robot ad immersione perché i filamenti di scarto resterebbero nella crema) e raccogliere la purea in una terrina. Una volta pronta, la crema di carciofi potrà essere utilizzata subito.

Potrebbe interessarti anche: Cuori di carciofi light ripieni di salmone per la festa della mamma

Maionese vegana ai carciofi

Un’alternativa per i vegani è possibile realizzare una maionese vegana ai carciofi.

Ingredienti:

  • 1 parte di latte di soia;
  • 2 parti di olio vegetale (75% di olio di semi di girasole e 25% di olio d’oliva);
  • sale q.b
  • succo di limone

Procedimento

Mescolare insieme 1 parte di latte di soia e 2 parti di olio vegetale (75% di olio di semi di girasole e 25% di olio d’oliva). Aggiungere un pizzico di sale e del succo di limone.

Per insaporire la maionese basterà aggiungere la polpa estratta dalle foglie e dai gambi di carciofo lessati, ma dopo averla essiccata per qualche minuto in padella.

Raffaella Lauretta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *