Succhi di frutta: come scegliere il migliore secondo i nutrizionisti

Succhi di frutta: i consigli dei nutrizionisti per scegliere il migliore quando si fa la spesa al supermercato. 

succhi di frutta migliore
(Foto Pexels)

Fare una spesa consapevole è alla base di una scelta di alimentazione, e quindi di vita, sana. Esistono dei piccoli accorgimenti da adottare, come controllare l’etichetta dei valori nutrizionali o l’aggiunta di zuccheri e conservanti, per mangiare e bere in maniera più salutare. I succhi di frutta sono da sempre amatissimi dai più piccoli e, soprattutto le mamme, sanno bene quanto sia importante selezionare attentamente cibo e bevande adatti alla loro crescita. Alcuni nutrizionisti hanno dispensato dei consigli per scegliere il migliore quando si fa la spesa. Vediamone alcuni.

Come scegliere il miglior succo di frutta secondo i nutrizionisti, alcuni consigli

I succhi di frutta, prediletti dai bambini, contengono molti zuccheri e conservanti. Come scegliere il migliore senza rinunciare al gusto e alla qualità del prodotto? Sembra difficile, ma comprare degli alimenti sani, con tutti gli ingredienti ben dichiarati sull’etichetta espositiva e dei valori nutrizionali, è fondamentale per la nostra salute e per il nostro umore. E’ risaputo infatti che rifocillarsi di “cibo spazzatura” non solo faccia male al nostro organismo, ad esempio aumentando il livello di colesterolo o di glicemia, ma anche al nostro status mentale creando una sorta di dipendenza.

succo di frutta
(Foto Pexels)

Gli zuccheri, in particolare, sono i responsabili di questo bisogno primario. Invece, uno stile di vita sano composto da sport almeno due volte alla settimana e da un’alimentazione corretta (frutta e verdura almeno due volte al giorno, bere tanta acqua, prediligere cibi a km 0) ci renderà anche più felici. In una mente sana infatti risiede sempre un corpo felice e altrettanto sano. Vediamo alcuni consigli dei nutrizionisti circa una scelta oculata del miglior succo di frutta sul mercato.

Potrebbe interessarti anche: Gli alimenti che non dovrebbero mai mancare in una dieta equilibrata

1) Prediligere i centrifugati fatti in casa con frutta di agricoltura biologica

Il primo consiglio è quello di evitare di comprare succhi di frutta al supermercato. Questo perché, anche se composti dal 100% di frutta, avranno sempre una percentuale piuttosto alta di zuccheri (al pari delle bibite gassate). Bisognerebbe optare dunque per dei centrifugati o estratti fatti in casa, meglio ancora se si utilizza frutta di agricoltura biologica. La frutta fresca è infatti ricca di antiossidanti e sali minerali che, durante la lavorazione industriale, si vanno a perdere. Non sempre però si ha questa disponibilità e quindi i nutrizionisti raccomandano di scegliere almeno i succhi di frutta che abbiano il 100% di frutta dichiarata sull’etichetta espositiva. E’ importante soprattutto che non ci siano coloranti, zuccheri o edulcoranti aggiunti.

2) Controllare l’etichetta dei valori nutrizionali e prestare attenzione ad un solo ingrediente: la frutta!

La scelta dei succhi di frutta, nei supermercati, è piuttosto ampia e non sempre è facile scegliere il prodotto migliore. La cosa a cui bisogna fare più attenzione è sempre la lista degli ingredienti e l’etichetta dei valori nutrizionali. Il succo dovrebbe essere composto, per la maggior parte, da frutta quindi controllare che sull’etichetta sia menzionata una percentuale almeno superiore al 90%. I nutrizionisti consigliano inoltre di prestare attenzione a tutti quegli ingredienti come zuccheri, conservanti o coloranti che non c’entrano nulla con l’ingrediente base e che quindi rendono il succo di frutta scadente. Tuttavia, anche se i prodotti conterranno il 100% di frutta, ci sarà sempre una percentuale di zuccheri aggiunti.

Potrebbe interessarti anche: Come far mangiare frutta e verdura ai bambini: tutti i rimedi infallibili

Ricapitolando se dovete acquistare dei succhi di frutta al supermercato, prestate attenzione a:

  • percentuale di frutta, preferibilmente al 100%;
  • frutta da agricoltura biologica;
  • presenza di conservanti, zuccheri aggiunti o edulcoranti: l’assenza di questi elementi renderà il prodotto qualitativamente più sano.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *