Ansia: come smettere di ingrassare, tutti i rimedi utili

L’ansia rende la vita molto complicata e può comportare uno squilibrio nella dieta. Vediamo alcuni rimedi per smettere di ingrassare a causa di questo disturbo.

ansia smettere ingrassare
(Adobe Stock)

Le cose che la maggior parte delle persone fa senza neanche pensare, possono risultare incredibilmente difficili per un individuo affetto da ansia. Inoltre questo disturbo può essere la causa principale per cui non si riesce a smettere di ingrassare. Esistono tuttavia dei rimedi molto utili da adottare in queste circostanze, vediamo di cosa si tratta.

Alimentazione emotiva: ansia e conforto nel cibo, come smettere di ingrassare

L’ansia è una risposta del corpo ad una situazione di stress, disagio, paura o apprensione per ciò che sta accadendo o che dovrà accadere. Si tratta di una reazione spontanea a scenari pericolosi (ad esempio incidenti improvvisi) o a circostanze stressanti (come un esame). Generalmente è normale sentirsi ansiosi ogni tanto, tuttavia quando questo stato d’animo diventa abituale e cronico, occorre fare attenzione.

ansia smettere di ingrassare
(Adobe Stock)

Tra i diversi sintomi comuni a questo disturbo figurano: nervosismo, irritabilità, stanchezza, insonnia, tachicardia, aumento di peso. Quest’ultimo in particolare è definito da alcuni medici come alimentazione emotiva, vale a dire uno stile alimentare che dipende dal nostro stato emotivo. Questo accade perché l’ansia trova conforto nel cibo e negli zuccheri.

Quando ci si sente tristi, stanchi o preoccupati è abbastanza comune rifugiarsi nel cibo per consolarsi e questo può causare un aumento del proprio peso. Infatti, quando la mente è occupata da altri pensieri, spesso non ci si rende conto di mangiare di più o di meno del necessario.

Potrebbe interessarti anche: Quando il corpo somatizza l’ansia: il reflusso

L’ansia ama gli zuccheri: come rimediare all’aumento di peso

Gli studi dimostrano che lo zucchero può alleviare temporaneamente lo stress sopprimendo l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) nel cervello, che controlla la risposta allo stress. Tuttavia assecondando di continuo la voglia di zuccheri raffinati si avrà un livello eccessivo di glucosio nel sangue. E lo zucchero viene immagazzinato come grasso, causando un repentino aumento di peso. Come smettere di ingrassare quindi in presenza di ansia?

  • Prediligere frutta dolce come: anguria, ananas, arance e melone;
  • bere frullati o succhi di frutta privi di zuccheri;
  • consumare zuccheri sani come agave o miele;
  • evitare torte, cioccolato, merendine, zuccheri raffinati.
ansia smettere di ingrassare
(Adobe Stock)

1) Alimentazione anti ansia e mindful eating per smettere di ingrassare

Una dieta sana ed equilibrata è fondamentale per la salute fisica e mentale. Alcuni alimenti infatti sono più utili di altri nel tenere a freno l’ansia e l’aumento di peso. Un’alimentazione anti ansia comprende il consumo regolare di:

  • verdure;
  • legumi;
  • carni magre;
  • noci, semi, olio extravergine;
  • erbe.

Per praticare mindful eating, bisogna essere sempre presenti ad ogni pasto. Questo comporta la piena consapevolezza dei sapori, dei colori e degli odori del cibo che mangiamo, masticando lentamente ed evitando qualsiasi distrazione come televisione o smartphone.

Potrebbe interessarti anche: Gli effetti dell’alimentazione sul viso: zucchero, latte, glutine e alcol

2) Esercizio fisico contro la perdita di peso

Il movimento è essenziale per bruciare calorie, smettere di ingrassare e controllare l’ansia. Tuttavia, in presenza di questo disturbo, non sempre si hanno le forze e l’energia giusta. Per questo motivo, sarebbe meglio prediligere un tipo di ginnastica dolce, ma regolare. Ad esempio:

  • 30 minuti/1 ora di camminata ogni giorno;
  • yoga 2/3 volte alla settimana;
  • escursioni 2/3 volte al mese.

3) Sonno di qualità contro ansia e per smettere di ingrassare

Per gestire l’ansia e smettere di ingrassare, serve un sonno di qualità e un riposo regolare. Per questo motivo l’orologio ayurvedico, cioè svegliarsi prima dell’alba e andare a dormire prima delle 22, è il ritmo biologico che preserva maggiormente la salute fisica e mentale. Secondo l’ayurveda, “il corpo usa il periodo di quattro ore (dalle 22 alle 2 del mattino) per digerire le esperienze, le emozioni e il cibo rimasto dall’inizio della giornata, e per ripararsi e rinnovarsi”. Andare a dormire dopo le 23, renderà il corpo e la mente molto più stanchi e affaticati durante l’arco della giornata.

ansia smettere di ingrassare
(Adobe Stock)

Potrebbe interessarti anche: Dormire poco aumenta il rischio di diabete: che cosa fare

4) Eliminare alcol e caffeina

Alcol e caffeina alterano i sintomi del disturbo dell’ansia, stimolandola e generando un disturbo maggiore. Anche se, temporaneamente, le nostre percezioni sembrerebbero modificate, in fase di down, l’effetto svanirà provocando una sensazione ancora più spiacevole e di dipendenza.

5) Adottare tecniche di rilassamento

Per controllare i vostri stati d’animo, dovrete adottare delle tecniche di rilassamento quotidiane. Ad esempio, ascoltare musica rilassante per 10/15 minuti o respirare profondamente sarebbe un ottimo inizio. Si può pensare al rilassamento come un reset giornaliero. Queste tecniche sono fondamentali per aumentare la concentrazione, allenare il cervello ed essere nel momento presente. Infatti, quando si è presenti, non si può essere preoccupati o timorosi e questo diminuirebbe notevolmente l’ansia.
È stato anche dimostrato che la meditazione riduce i livelli di cortisolo e fornisce una lunga lista di benefici per la salute mentale e fisica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *