Monete rare, come riconoscere quelle di valore tra i 50 centesimi

Questo particolare taglio può riservare qualche sorpresa. Ci sono alcune monete rare o comunque di valore pure tra i 50 cents, vediamo di quali si tratta.

Una moneta da 50 centesimi
Una moneta da 50 centesimi (Pixabay)

Monete rare, sapevate che anche i 50 centesimi possono esserlo? Esistono diverse serie di questo conio, realizzate nel corso dei venti anni di euro, con aspetti e peculiarità che le differenziano fra loro. E come sempre accade, anche in questo caso è possibile individuare delle monete rare o comunque di un buon valore.

C’è una situazione particolare che è rappresentata dai 50 centesimi del 2007, che ufficialmente contano una tiratura di quasi 5 milioni di pezzi. Ma che ai fatti praticamente non si trovano. E comunque occorre sapere che non sempre ciò che è prezioso è raro e che non sempre ciò che è raro è prezioso. È proprio questo il caso: tra le monete rare e di valore non possiamo annoverare i 50 cents del 2007, che vengono valutati 10 euro al pezzo.

Occhio invece ai 50 centesimi spagnoli coniati nel 2002, che riportano lo scrittore Miguel de Cervantes sul retro. In questo caso i collezionisti e gli esperti di numismatica valutano ciascun pezzo ben 220 euro. Tornando in Italia, quelli del 2002, della primissima serie, furono caratterizzati da un errore di realizzazione per alcuni esemplari. Venne usata una lega metallica diversa da quella d’oro consueta. Ma parliamo comunque di 6 euro ad unità.

Potrebbe interessarti anche: 100 lire Minerva, le monete che valgono quanto un appartamento

Monete rare, come riconoscerle

Gruppi di monete in euro
Gruppi di monete in euro (Pixabay)

Invece monete rare e di valore sono i 50 centesimi della Francia, che vengono nominalmente attribuiti al 1999, nonostante da tale anno e fino al 1° gennaio 2002 l’euro sia stato una valuta virtuale, impiegata esclusivamente all’interno dei circuiti bancari e finanziari.

Potrebbe interessarti anche: Gettone 7808 quanto vale? Se ce l’hai prenditene la massima cura

Solamente nel 2002 invece è diventata una valuta di massa, inserita anche nelle dinamiche quotidiane in sostituzione della lira in Italia e di altre valute a quel momento corrente negli altri Stati membri dell’Unione Europea.

Potrebbe interessarti anche: Collezionare monete, con questo esemplare diventerete ricchi | FOTO

Per quanto riguarda le modalità con le quali individuare monete ed anche banconote di valore, bisogna tenere in considerazione alcuni aspetti. Come ad esempio lo stato di conservazione e la tiratura. Più un esemplare appare il più possibile vicino al nuovo e più assumerà valore con tutta probabilità. Se poi in giro ci sono pochi pezzi, allora la rarità è assicurata negli anni a venire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *