Taglio delle accise, perché non basta: “Troppi speculatori”

Nonostante una nuova proroga, il taglio delle accise viene criticato perché ritenuto insufficiente. Qual è la soluzione del Codacons.

Una pompa di erogazione del carburante
Una pompa di erogazione del carburante (Foto ANSA)

Taglio delle accise, c’è una nuova proroga a quella che è la misura che pone una decurtazione a quello che è il prezzo da pagare per ogni rifornimento di benzina e diesel, oltre che per metano per autotrazione e gpl. La cosa risale già a qualche giorno fa, al 24 giugno 2022 per la precisione.

E con questo provvedimento si punta a fare qualcosa nell’immediato per impedire che i prezzi del carburante salano ancora più alle stelle. Se non fosse per il taglio delle accise l’esborso che dovremmo affrontare supererebbe molto facilmente i due euro e mezzo al litro per ogni rifornimento, tra 25 centesimi al litro per il carburante stesso ed altri 5 centesimi al litro di accise.

Ma il taglio delle accise, sin dalla sua prima introduzione avvenuta nella seconda metà di marzo, non soddisfa le associazioni dei consumatori. Le quali continuano a bollarlo come un provvedimento del tutto insufficiente a risolvere i bisogni di famiglie e lavoratori.

Potrebbe interessarti anche: Prezzi benzina e gasolio, stop al taglio delle accise e rischio 3 euro al litro

Taglio delle accise, Codacons deluso: la proposta dell’associazione dei consumatori

Un rifornimento di carburante in corso
Un rifornimento di carburante in corso (Foto ANSA)

La nuova proroga allunga di alcune settimane il precedente gong finale che avrebbe dovuto avere luogo il prossimo 8 luglio 2022. La nuova data di scadenza del taglio delle accise coincide ora con il 2 agosto. Ed anche per allora ci si aspetta un ulteriore nuovo taglio di almeno un altro mese.

Potrebbe interessarti anche: Prezzo benzina e diesel, qui costa di meno: code ai distributori

Stando così le cose, la spesa media per fare rifornimento nei serbatoi dei propri veicoli ammonta a 552 euro in più all’anno per la benzina ed a 664 euro ulteriori per il diesel. Il Codacons richiede con urgenza che vengano bloccati i prezzi alla pompa. Questo sarebbe un provvedimento in grado di contrastare gli episodi di speculazione che pure hanno portato a questa situazione.

Potrebbe interessarti anche: Come risparmiare sulla benzina, così consumi di meno ogni volta

Difatti il Governo Draghi in primis aveva fatto riferimento ad episodi nei quali alcuni hanno approfittato della situazione venutasi a creare in ambito internazionale per cercare di guadagnarci il più possibile. Ed andrà calmierato il prezzo al dettaglio di benzina, gasolio e quant’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *