Diabete, occhio ai piedi: i campanelli d’allarme dell’iperglicemia

Ci sono alcuni segnali sui piedi che possono indicare che siamo a rischio di diabete: ecco a cosa prestare attenzione.

Diabete piedi
Diabete: i segnali sui piedi (Canva)

Il diabete di tipo 2 è una patologia metabolica che può condurre al rischio di complicazioni anche gravi, a danno di occhi, reni, sistema nervoso e sistema cardiovascolare. Tenere sotto controllo i livelli di glicemia nel sangue è tra i gesti essenziali per monitorare il nostro stato di salute. Anche i piedi possono rivelare molto sul nostro benessere: scopriamo i campanelli di allarme che potrebbero indicare che siamo a a rischio di sviluppare il diabete.

Rischio diabete: i segnali sui piedi da non sottovalutare

Il piede diabetico, o neuropatico, è una complicanza cronica del diabete di tipo 2, che provoca alterazioni a carico del piede e della caviglia.

Piedi glicemia alta
Piedi (Adobe Stock)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

Poiché il danno neurologico può causare la perdita di sensibilità, è possibile che un paziente affetto dalla malattia non si accorga di tagli e piccole lesioni, che in questo modo possono facilmente degenerare fino a indurre la cancrena.

Per questo, l’ispezione accurata dei propri piedi è essenziale: scopriamo insieme tutte le anomalie a cui prestare attenzione.

Cambiamenti cutanei

Avete notato che la pelle dei piedi è diventata improvvisamente secca e screpolata?

Possibili indicatori di diabete sono:

  • Desquamazione cutanea;
  • Presenza di crepe e danni ai talloni;
  • Tagli tra le dita.

Presenza di piaghe e calli

Un ulteriore campanello di allarme del diabete a cui prestare attenzione è la presenza di piaghe e calli sui piedi.

Sebbene l’ispessimento cutaneo causato da fattori come pressione e attrito sia generalmente innocuo, infatti, nelle persone con il diabete il callo va considerato come una lesione pre-ulcerativa.

Esso può essere associato a emorragia sottocutanea e, poiché chi è affetto da questa malattia metabolica non avverte il dolore e, di conseguenza, non si accorge della lesione, può sfociare in una piaga e ulcerarsi.

Difficoltà a guarire dalle ferite

L’iperglicemia cronica, ovvero elevati livelli di glicemia, al di sopra dei parametri di riferimento, può provocare un ritardo nella cicatrizzazione della pelle e la comparsa di ferite croniche.

Piedi glicemia alta
Piedi (Adobe Stock)

Essa, infatti, interviene sulle cellule coinvolte nel processo di cicatrizzazione e causa un calo della loro attività.

Dolore e intorpidimento

Tra i segnali più comuni che possono indicare il diabete e che si manifestano sui piedi c’è la parestesia.

Questa espressione indica un disturbo soggettivo della sensibilità, che consiste nella percezione di sensazioni come dolore, formicolio, bruciore e intorpidimento, senza che ci sia alcuno stimolo a causarle.

Difformità del piede

Infine, occhio alla presenza di eventuali difformità dei piedi: potrebbero segnalare il rischio di diabete.

Questa malattia, infatti, può generare una complicazione che crea una situazione di squilibrio tra i muscoli estensori e flessori, provocando uno sbilanciamento delle articolazioni.

I risultati possono essere la comparsa delle cosiddette “dita ad artiglio”, il piede cavo, la prominenza delle teste dei metatarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.