Richiamo alimentare: rischio fisico per integratore alimentare

Il Ministero della Salute ha pubblicato un nuovo richiamo alimentare per rischio fisico e protagonista è un integratore alimentare.

Integratori alimentari
Integratori alimentari (Pexels)

Il sito ufficiale del Ministero della Salute ha pubblicato un nuovo richiamo alimentare. Questa volta il problema sembra essere dentro ad un integratore alimentare dovuto ad un possibile rischio fisico. Perciò l’azienda e il Ministero mettono in guardia i propri consumatori sul possibile pericolo. Di seguito i dettagli del richiamo alimentare.

Richiamo alimentare: attenzione all’integratore alimentare per rischio fisico

scheda richiamo alimentare
Scheda richiamo alimentare (Screen Ministero della Salute)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

Il richiamo alimentare è stato fatto in data 13 settembre 2022, ma è apparso sul sito del Ministero della Salute il 20 settembre 2022. Il protagonista è il prodotto denominato Quetidia soluzione orale Fast-Slow flacone da 150 ml, un integratore alimentare a base di Magnesio, L-teanina, estratto di Scutellaria e Passiflora commercializzato da Neuraxpham Italy s.p.a.

I lotti di produzione interessati sono 220342 e 220343 con scadenza il 29 febbraio 2024. La sede dello stabilimento dove viene prodotto questo integratore al magnesio è la H.P.I. Humana Pharma International Spa, situato in via Enrico Mattei snc 27022 Casorate Primo. Il motivo del richiamo alimentare riguarda il possibile rischio fisico, ovvero è stata segnalata un effervescenza inattesa e con la conseguente fuoriuscita del prodotto all’apertura del flacone. Tra le avvertenze scritte nella scheda del richiamo alimentare è indicato di non non assumere la soluzione dei lotti 220342 e 220343 a scopo precauzionale in quanto la reazione non si sa possa comportare se ingerita.

Integratore al magnesio

Il magnesio è un minerale fondamentale per il funzionamento dell’organismo, aiuta a mantenere la pressione sanguigna nella norma, le ossa forti e il ritmo cardiaco regolare. Gli adulti che assumono una quantità di magnesio inferiore a quella raccomandata hanno maggiori probabilità di avere marcatori di infiammazione elevati. L’infiammazione, a sua volta, è stata associata a condizioni di salute importanti come le malattie cardiache, il diabete e alcuni tipi di cancro. Inoltre, un basso livello di magnesio è un fattore di rischio per l’osteoporosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd