Sindrome di Munchausen: cos’è e come si può curare

Cos’è la sindrome di Munchausen, come mai insorge, quali sono i sintomi e cosa bisogna fare per guarire.

sindrome di Munchausen

La sindrome di Munchausen si caratterizza per essere una patologia mentale che condiziona il comportamento e che provoca nelle persone un dolore notevole per dei disturbi e dei sintomi che in realtà sono completamente inventati. L’obiettivo di questo comportamento anomalo della persona è quello di catturare l’attenzione degli altri soggetti e apparire come dei malati terminali bisognosi di aiuto. Non c’è ancora un accordo completo tra gli esperti in merito alle cause che portano all’insorgenza di tale sindrome. In alcuni casi, le persone che soffrono di tale sindrome riescono addirittura a provocarsi del male fisico da soli pur di stare al centro dell’attenzione, simulando non solamente dei disturbi fisici, ma anche di natura psicologica. La sindrome di Munchausen si caratterizza per essere stata ribattezzata anche come disturbo fittizio oppure dipendenza da ospedale.

Sindrome di Munchausen varianti

sindrome di Munchausen

Ci sono delle persone che arrivano a provocare del male fisico alle persone che si prendono cura di loro o ai propri familiari, con il solo obiettivo di restare sempre al centro dell’attenzione. Si tratta di un comportamento che ha una stretta connessione con la sindrome di Munchausen e che è stato ribattezzato proprio sindrome di Munchausen per procura.

Sindrome di Munchausen e ipocondria

sindrome di Munchausen

Questo tipo di sindrome non si può considerare ipocondria e nemmeno si può parificare al “fingersi malato” per evitare magari di andare a scuola oppure di dover eseguire dei lavori o determinate attività. Le persone che vengono chiamate ipocondriache, infatti, si caratterizzano per avere una specifica ossessione per una particolare patologia e notano, in qualsiasi tipo di acciacco, una malattia estremamente grave, ma non c’è assolutamente quella ricerca di attenzione come accade nella sindrome di Munchausen.

Sindrome di Munchausen cause

sindrome di Munchausen

Le cause che possono portare ad insorgere questa tipologia di sindrome non sono ancora conosciute del tutto. In base a quanto riferito dagli studiosi, pare che tale comportamento possa essere legato a degli eventi traumatici che si sono verificati nel corso dell’infanzia del paziente, che magari ha dovuto affrontare da piccolo un trauma di natura affettiva o un disturbo emotivo o una patologia particolarmente grave. Un’altra possibile causa di tale sindrome può essere correlata con un disturbo della personalità, per cui il paziente ha uno squilibrio a livello mentale che provoca questi comportamenti strani. La prima ipotesi deriva dal fatto che in tanti soggetti che soffrono di questa tipologia di sindrome è stata riscontrata un’infanzia particolarmente difficile, in cui hanno perso dei genitori oppure non hanno ricevuto sufficienti attenzioni da parte degli stessi. Questo senso di abbandono e di poca attenzione ha fatto covare in tali persone la necessità di porsi sempre al centro dell’attenzione, spesso anche con sistemi poco ortodossi e addirittura rischiosi per l’incolumità delle altre persone. Nel caso di malattie particolarmente gravi e che hanno comportato un lungo periodo di cure, il soggetto può avvertire la necessità, anche in età adulta, di ottenere le medesime attenzioni e riguardi che aveva da bambino. Esistono tre tipologie di patologie mentali che possono avere una forte correlazione con questa sindrome: si tratta del disturbo antisociale di personalità, del disturbo borderline di personalità e del disturbo narcisistico di personalità. In tutti e tre i casi, i pazienti hanno la tendenza a rompere ogni legame con il tessuto sociale in cui vivono, andando a rompere rapporti e legami in modo particolare in ambito familiare.

Sindrome di Munchausen sintomi

sindrome di Munchausen

Le persone che soffrono di questo tipo di sindromi avvertono dei sintomi che in realtà non esistono o, in diversi casi, compiono degli atti di auto-lesionismo fisico per avere l’attenzione delle altre persone. Nella prima ipotesi, spesso si tratta di disturbi che sono estremamente complicati da dimostrare, come ad esempio il mal di testa, mal di pancia, attacchi epilettici e così via, ma in tanti casi i pazienti arrivano anche a manomettere i risultati di particolari esami e test, così come possono bruciarsi o tagliarsi alcune parte del corpo, utilizzare in modo eccessivo determinati medicinali oppure consumare in modo volontario dei cibi che hanno superato la data di scadenza.

Sindrome di Munchausen cura

Il trattamento di questi pazienti non è particolarmente semplice, sopratutto per via del fatto che non è immediato e facile arrivare ad una diagnosi corretta, visto che spesso bisogna ricorrere ad una diagnosi differenziale e porre la massima attenzione sulla sintomatologia e sui comportamenti avuti dal soggetto. Curare queste persone è difficile anche in virtù del fatto che nella maggioranza dei casi non riconoscono alcun disturbo o problema e rifiutano a priori ogni tipo di aiuto. Nella maggior parte delle situazioni, una terapia psicoterapeutica è fondamentale per poter guarire e spesso permette di ottenere dei buoni risultati.

Previous ArticleNext Article