Damiano dei Måneskin risponde ad Emma sulle critiche all’Eurovision

Damiano, leader dei Måneskin, risponde alle critiche di Emma sull’Eurovision. L’intervista ufficiale per Vanity Fair. 

Damiano dei Måneskin risponde ad Emma
(Google Images)

Damiano, cantante dei Måneskin, risponde ad Emma sulle recenti critiche circa il trattamento poco cortese da lei ricevuto all’Eurovision. La cantante si rammarica del fatto che, nel 2014, abbia subito un trattamento totalmente diverso dal leader Damiano, in quanto donna. Gli shorts dorati di Emma infatti le avevano causato molte critiche e prese in giro rispetto alla sua performance, totalmente oscurata. Vediamo la risposta di Damiano.

“Da maschio sono privilegiato”, la risposta di Damiano ad Emma sull’Eurovision

Dopo circa due settimane dalla vittoria ufficiale della band italiana Måneskin all’Eurovision, si continua a parlare di loro e soprattutto delle critiche ricevute. Nonostante il record battuto, in quanto l’Italia non vinceva da oltre 30 anni, la band è stata prima accusata di fare uso di stupefacenti in pubblico e poi di plagio. Il loro brano “Zitti e buoni” è in vetta alle classifiche e i ragazzi non sembrano curarsi delle accuse infondate. L’unica critica a cui hanno risposto è stata quella di sessismo avanzata dalla cantante salentina Emma Marrone.

Concerto
(Foto Pexels)

Cosa successe ad Emma nel 2014

Un argomento delicato, quello affrontato da Emma circa le critiche di sessismo rivolte all’Eurovision e alla sua organizzazione. Nel 2014, infatti, la cantante aveva partecipato esibendosi con un brano rappresentativo dell’Italia, intitolato “La mia città”. Il brano non fu preso neanche in considerazione per via del suo look considerato troppo audace. E’ stata presa in giro e derisa per via di un paio di pantaloncini color oro che sbucavano dal vestito da lei indossato, specie da un pubblico prettamente femminile. “C’è ancora del sessismo e c’è ancora tanto da fare”, sostiene Emma indignata di fronte alla reazione entusiasta degli organizzatori di fronte al look spregiudicato di Damiano, con stivaloni sul tavolo e a petto nudo.

Emma Eurovision
(Google Images)

Potrebbe interessarti anche: Arisa in intimo invita le donne ad accettarsi: la paladina del body positivity

L’intervista a Vanity Fair: Damiano dà ragione ad Emma

“Da maschio sono privilegiato, le molestie che subisco non sono paragonabili a quelle che vive una donna”, sostiene Damiano. I commenti che riceve sono spesso incentrati sul suo lato estetico e non mettono assolutamente in dubbio la sua professionalità, mentre questo purtroppo non accade nei confronti di una donna. Spesso sono proprio le donne ad inferire maggiormente contro altre donne con commenti svilenti che ne mettono in discussione il ruolo. “Il consenso esiste ed è doveroso”, conclude il leader dei Maneskin dand ragione ad Emma.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *