Al Bano canta in chiesa e fa infuriare il vescovo, motivo inverosimile

Al Bano al centro di una polemica con la Chiesa. Il vescovo di Andria ce l’ha con lui per quello che ha fatto ad un matrimonio

Al Bano infuriare vescovo
GettyImages

Al Bano Carrisi, il celebre cantante di Cellino San Marco, non riesce a stare un attimo in pace. Non c’è giorno che non ci sia qualche polemica, qualche rumors o gossippata che lo riguarda.

Le voci su una presunta crisi con la compagna, Loredana Lecciso, non mancano mai, nonostante le sue recenti smentite. Poi l’abbandono di Romina Power che ha lasciato le Tenute di suo proprietà per soggiornare in un trullo, per via, pare, delle tensioni proprio con la Lecciso. Ora, invece, l’ira del vescovo di Andria verso Al Bano.

La sua colpa? Aver cantato in chiesa ad un matrimonio. Questo suo gesto ha scatenato una vera bufera mediatica.

Potrebbe interessarti anche: Serena Grandi: male scoperto troppo tardi, il dramma dell’attrice

Al Bano, la sorpresa agli sposi non piace

Al Bano infuriare vescovo
(GettyImages)

Il vescovo di Andria non ha gradito per nulla l’esibizione che Al Bano ha regalato ad una coppia di amici nel giorno del loro matrimonio. Il compagno di Loredana Lecciso ha cantato, a sorpresa, in chiesa durante la celebrazione del sacramento ma la performance ha fatto andare su tutte le furie il pastore che ha mostrato pubblicamente il dissenso della Chiesa per i fatti successi.

“A nessuno è concesso di usare la liturgia come palcoscenico – ha precisato il vescovo della diocesi di Andria, monsignor Luigi Mansi – per organizzare esibizioni di artisti di qualunque natura. Sarebbe una grave offesa alla celebrazione e al luogo sacro”.

Un’esibizione eccessiva e fuori luogo dunque è stata ritenuta quella di Al Bano che, secondo la Curia, avrebbe dovuto fare questo tipo di regalo agli sposi in altra sede e non nella casa del Signore.

Potrebbe interessarti anche:  Funerale Raffaella Carrà: l’ultimo viaggio dopo la morte, la rivelazione

“I sacerdoti hanno il compito di verificare il rispetto di tali norme”, hanno precisato dalla Curia che ha voluto appunto sottolineare che episodi del genere è bene che non si verifichino più. Gli organizzatori forse non conoscevano queste regole, ecco perché la Curia ha voluto esporsi in modo così chiaro e preciso verso il cantante per evitare che episodi del genere si ripetano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *