Sparisce la scadenza dello yogurt e del latte, meno spreco ma è salutare?

Sparisce la scadenza dello yogurt e del latte, meno spreco ma è salutare? Dopo un pò i latticini vanno a male. 

Latte
Latte (pixabay-couleur)

Sparisce la scadenza dello yogurt e del latte, meno spreco ma è salutare? I latticini quando vanno a male sono pericolosi.

Lo spreco del cibo sicuramente è un tema attuale che coinvolge tutti, specialmente ora che siamo in tempi di crisi.

Un’iniziativa ha fatto discutere molto, riguarda l’eventualità di eliminare la data di scadenza dal latte e dallo yogurt. È considerato un metodo anti spreco ma può essere rischioso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>I bambini mangiano il triplo dello zucchero che dovrebbero assumere

Sparisce la scadenza dello yogurt e del latte

Scadenza
Scadenza (pixabay-hans)

I numeri delle persone che fanno la fila fuori dalla Caritas in Italia diventa sempre più grande. E questo ha sollevato il problema degli sprechi alimentari.

Si sta pertanto considerando l’idea di eliminare la data di scadenza dal latte e dallo yogurt, in modo da non gettare via i prodotti solo per la loro data di scadenza quando in realtà sono ancora buoni.

Tuttavia i latticini possono essere davvero rischiosi per la salute se consumati oltre un tot di tempo. In teoria in base all’aspetto e all’odore si dovrebbe capire se sono diventati acidi e hanno fatto quella che viene chiamata “ricotta”.

Anche se però bisognerebbe accorgersene, in alcuni casi potrebbe non essere così e questo causerebbe danni di salute alle persone che consumano un prodotto andato a male.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Depressione: le interazioni sociali aiutano a prevenirla, lo studio

Perciò è davvero giusto scegliere di eliminare le date di scadenza per evitare gli sprechi, anche se si rischia di nuocere a qualcuno?

Supermercat
Supermercato (pixabay-squirrel_photos)

Nel Regno Unito già due catene di supermercati hanno deciso di eliminare la data di scadenza dai prodotti, si tratta di Co-op e Morrisons, e le autorità non hanno ribattuto, anzi sono d’accordo.

La priorità a quanto pare è evitare lo spreco. Anche in Italia bisognerà forse abituarsi a questa nuova realtà.

D’altronde il divario tra ricchi e poveri è sempre più grande e di giorno in giorno aumentano le persone che perdono tutto. Complice sicuramente la pandemia che ha bloccato i mercati e il lavoro per due anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *