Bolletta della luce, se spegni questo in casa in realtà non risparmi

Come alleggerire la bolletta della luce? Non in questo modo, che sostanzialmente non vale la spesa risparmiata, davvero molto risibile.

Un salotto di casa
Un salotto di casa (Foto Freepik)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Bolletta della luce, pur di risparmiare in molti hanno preso l’abitudine di spegnere o di scollegare diversi dispositivi elettrici quando gli stessi non sono in uso. Fanno eccezione elettrodomestici indispensabili come il frigorifero ed il congelatore, che devono sempre restare connessi, mentre tanti altri possono essere staccati dalla presa della corrente.

La bolletta della luce subirà una ulteriore mazzata nell’ultimo trimestre del 2022, unitamente a quella del gas. Si tratterà del periodo critico dell’anno, visto che per allora sarà già arrivato il freddo, con l’inverno che permarrà fino a quasi tutto marzo poi. Eppure c’è un dispositivo elettronico presente ormai nelle abitazioni di tutti noi che non andrebbe mai spento.

Si tratta di un insospettabile. Visto che televisori, pc, console di gioco, impianti stereo e simili vanno tolti dalla corrente per impedire che eroghino anche solo un minimo di consumi, lo stesso potremmo pensare anche di questo specifico accessorio. Che è fondamentale per avere un qualcosa senza il quale veramente non potremmo stare.

Bolletta della luce, se spegni questo elettrodomestico in realtà non risparmi

Un router wifi ed uno smartphone in primo piano
Un router wifi ed uno smartphone in primo piano (Foto Freepik)

Si tratta del router wifi, che è indispensabile per diffondere la linea internet in casa, a tutte le ore. Per via del caro bollette c’è chi ritiene che corrisponda all’avere un risparmio sulla bolletta della luce il fatto di spegnerlo nel corso delle ore notturne, quando si dovrebbe pensare a dormire ed a riposare anziché a navigare sul web. Ma le cose non stanno così.

Sembra proprio che faremmo bene invece a non disattivare il nostro router. Il consumo stimato, nel corso di un anno, è di una trentina di euro al massimo. Che per l’uso che facciamo del wifi rappresenta un giusto compromesso. Può risultare scocciante ogni volta alzarsi appositamente per intervenire sull’interruttore del router. Magari già quando siamo a letto poi.

Ma ogni riavvio poi presuppone del tempo necessario e che non è possibile “skippare” affinché il dispositivo compia i necessari passaggi di avvio, di test, di controlli vari fino ad agganciarsi al wifi. Il consiglio che andrebbe seguito è quello semmai di spegnere il router solamente quando ci si deve allontanare da casa per diversi giorni. Inoltre accendere o spegnere il router di frequente potrebbe esporre la strumentazione a degli aumentati rischi di guasti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.