Anche se non te lo dice puoi capirlo lo stesso: il linguaggio del corpo non mente | Trucchi da conoscere

Comunichiamo con il linguaggio verbale, paraverbale e quello non verbale del corpo, quali sono però i trucchi da conoscere per interpretare quest’ultimo? Vediamoli subito. 

linguaggio del corpo trucchi
Parlare muovendo anche le mani (Canva) – Inran.it

Parlare con gli altri ed ascoltarli non è un gioco da ragazzi visto che sono moltissime le dinamiche da tenere bene in considerazione quando si instaura una relazione. Non si può considerare infatti solo la comunicazione verbale, ovvero quella costruita sulle parole, emesse a voce o scritte, ma anche quella paraverbale definita sulla base del tono della voce, il ritmo, la velocità con cui parliamo ed il volume. Manca però anche il linguaggio non verbale che si definisce sulla base della mimica facciale, la movenza delle mani e della postura adottata.

Quest’ultimo tipo di linguaggio è forse quello più controverso e articolato da capire, ci sono infatti alcuni segnali eloquenti che se compresi nel nostro interlocutore possono svoltare la conversazione a nostro favore oppure farci comprendere che qualcosa non va. Avete mai osservato la sua posizione del busto, come tiene le mani oppure le gambe, se ha le labbra socchiuse o se c’è contatto visivo? Vediamo tutti i trucchi che possono esservi di grande aiuto quando avete a che fare con amici o colleghi di lavoro, ma anche ad un colloquio oppure durante un primo appuntamento. Prendete nota, non ve ne pentirete affatto.

Linguaggio del corpo, tutti i trucchi da conoscere quando ci si relazione con le persone

linguaggio del corpo trucchi
Gesticolare con le mani (Canva) – Inran.it

Il linguaggio non verbale qualcosa di non udibile tramite bocca e orecchie ma una volta compreso sa darci tantissime informazioni sullo stato d’animo, l’atteggiamento ed i pensieri della persona che si trova di fronte a noi. Tra le principali caratteristiche da osservare quindi la postura ed il busto, lo sguardo, le mani e le gambe. Analizziamo queste zone per avere un quadro completo da poter mettere sul piatto della bilancia e capire se quando detto a parole dal nostro interlocutore corrisponde anche ai fatti.

QUESTO ARTICOLO POTREBBE PIACERTI: Le piastrelle in bagno ti fanno dannare? Ti insegno come pulirle in poche mosse e senza sforzo

1) Occhi

  • Occhi dritti o abbassati – chi si trova in una posizione di sottomissione tenderà spesso a tenere lo sguardo basso rispetto invece ad un leader con gli occhi aperti e vispi.
  • Occhi con le pupille dilatate – se chi è di fronte a voi ha le pupille dilatate significa che è molto interessato, al contrario se sono piccole vuole dire che è perso nei suoi pensieri e fatica a reggere al conversazione.
  • Sguardo verso l’interlocutore o perso nel vuoto – ci deve essere contatto visivo quando si parla, è la prima regola della comunicazione. Viene mantenuto in maniera costante?

LEGGI ANCHE –> Gusci delle uova 🐣: non gettarli via, puoi usarli in due modi davvero geniali | Trucco da non perdere

2) Mani

  • Mani chiude o aperte – l’interlocutore tende a gesticolare con le mani o le tiene ferme lungo il busto tutto il tempo? Gesticolare significa anche interagire con chi ci è di fronte dimostrando doppiamente l’interessamento anche con la movenza degli arti.
  • Braccia conserte o lungo i fianchi – lo stesso vale per le braccia. Se sono conserte non è un buon segno, vuole dire che c’è chiusura e riluttanza nella conversazione.
  • L’interlocutore tocca oggetti di fronte a lui/lei o si tocca i capelli – soprattutto ad un primo appuntamento o ad un colloquio di lavoro osservate se chi è con voi muove gli oggetti sul tavolo oppure si tocca i capelli. È in realtà sintomo di concitazione e massimo interessamento per quello che state dicendo ed anche un modo per scaricare la tensione della situazione.
  • Stretta di mano possente o morbida – fidatevi sempre di chi di stringe la mano in maniera forte e sicura, sarà un’ottima persona con cui potrete costruire una solida relazione comunicativa e mai assertiva e poco duratura.

ANCHE QUESTO ARTICOLO POTREBBE PIACERTI –> Il trucco per pulire il filtro della lavatrice senza perdite di acqua: finalmente la soluzione

3) Gambe

  • Gambe ballerine o ferme – ci sono soggetti che si agitano molto quando si trovano impegnati in una conversazione, chi muove le bambe sotto il tavolo oppure anche in piede tende molto a spostarsi e non restare in un punto fisso potrebbe essere agitato. Cercate di mettere a proprio agio quella persona, ne beneficerà l’intera conversazione!
  • Gambe accavallate o aperte – avete mai notato che spesso le persone con le gambe aperte di fronte a voi sono anche quelle che meno sono attente a ciò che dite? Anche la postura parla molto e indica quello che pensano le persone insieme a voi.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

4) Busto

  • Proteso in avanti o appoggiato alla sedia – se chi sta parlando con voi tende a sporgersi in avanti sulla sedia allora siete sulla buona strada: avete catturato la sua attenzione e vuole comunicarvi anche con il busto la sua massima attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.