Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Aprassia: che cosa è e come si cura la difficoltà del linguaggio

Che cosa si intende per aprassia, quali sono le sue caratteristiche e come si può curare la difficoltà del linguaggio nei bambini e negli adulti.

L’aprassia è una condizione neurologica poco conosciuta, per la quale risulta difficile o impossibile compiere determinati movimenti motori, anche se i muscoli appaiono “normali”. Le forme più lievi di aprassia sono note come disprassia.

L’aprassia può presentarsi in un elevato numero di forme diverse. Una forma è ad esempio l’aprassia orofacciale, le cui persone affette non sono in grado di eseguire volontariamente determinati movimenti che coinvolgono i muscoli facciali: ad esempio, potrebbero non essere in grado di leccarsi le labbra o fare l’occhiolino. Un’altra forma di aprassia influisce sulla capacità di una persona di muovere intenzionalmente braccia e gambe.

Con l’aprassia del linguaggio, invece, una persona trova difficile o impossibile muovere la bocca e la lingua per parlare. Ciò accade anche se la persona esprime l’effettivo desiderio di parlare e se i muscoli della bocca e della lingua sono fisicamente in grado di formare parole.

Diverse forme di aprassia del linguaggio

Diverse forme di aprassia del linguaggio

Ci sono due forme di aprassia del linguaggio – l’aprassia acquisita e l’aprassia dello sviluppo. L’aprassia acquisita può verificarsi in persone di tutte le età anche se, tipicamente, si trova negli adulti. Questa condizione fa sì che le persone perdano le capacità linguistiche che possedevano una volta.

L’aprassia dello sviluppo del linguaggio è invece nota anche come aprassia infantile del linguaggio. Questa condizione è presente dalla nascita e influenza la capacità di un bambino di formare suoni e parole. I bambini con aprassia vocale spesso hanno capacità molto più grandi di comprendere il linguaggio piuttosto che esprimersi con parole pronunciate. La maggior parte dei bambini con aprassia dello sviluppo sperimenterà un miglioramento significativo, se non completo, con il trattamento corretto.

Differenza tra aprassia della parola e afasia

L’aprassia è a volte confusa con l’afasia, un altro disturbo della comunicazione: una confusione che può essere complicata dal fatto che le due condizioni possono verificarsi insieme.

Le persone che sono affette da aprassia e afasia potrebbero avere entrambe difficoltà a esprimersi con le parole. Ci sono, tuttavia, differenze evidenti: in particolare, l’afasia descrive un problema nella capacità di una persona di comprendere o usare parole di per sé, rendendo difficile per qualcuno con tale condizione parlare, leggere o scrivere. Tuttavia, l’aprassia non descrive un problema con la comprensione del linguaggio, bensì si riferisce alla difficoltà che qualcuno ha ad iniziare e compiere movimenti necessari per “produrre” la parola. Questa difficoltà sorge nonostante il fatto che non ci sia debolezza nei muscoli necessari.

Sintomi dell’aprassia del linguaggio

Ci sono una varietà di sintomi legati a tale condizione, o che possono essere associati con l’aprassia. Tra i principali:

  • difficoltà a mettere insieme le sillabe nell’ordine appropriato per generare parole o incapacità di farlo;
  • borbottii minimi durante l’infanzia;
  • difficoltà a pronunciare parole lunghe o complesse;
  • tentativi ripetuti di pronuncia delle parole;
  • incoerenze del linguaggio, come la possibilità di pronunciare correttamente un suono o una parola in determinati momenti ma non in altri;
  • infezioni o tensioni non corrette su determinati suoni o parole;
  • uso eccessivo di forme di comunicazione non verbali;
  • distorsione dei suoni vocalici;
  • omissione delle consonanti all’inizio e alla fine delle parole.

L’aprassia infantile della parola raramente compare da sola, ma più spesso è accompagnata da altri deficit, che possono causare:

  • vocabolario limitato;
  • problemi grammaticali;
  • problemi di coordinazione e abilità motorie;
  • difficoltà a masticare e deglutire;
  • goffaggine.

Cause dell’aprassia del linguaggio

L’aprassia deriva da danni cerebrali a quelle aree del cervello che controllano la capacità di parlare. Le condizioni che possono produrre aprassia acquisita possono includere trauma cranico, ictus o un tumore al cervello.

Gli esperti non hanno tuttavia pienamente capito cosa causa l’aprassia infantile della parola. Alcuni scienziati ritengono che derivi da problemi di “segnalazione” tra il cervello e i muscoli utilizzati per parlare.

La ricerca in corso si sta concentrando anche sull’identificazione delle anomalie cerebrali che causano l’aprassia della parola. Altre ricerche sono alla ricerca di cause genetiche di aprassia. Alcuni studi stanno infine cercando di determinare esattamente quali parti del cervello sono collegate alla condizione.

Test per la diagnosi dell’aprassia del linguaggio

Test per la diagnosi dell’aprassia del linguaggio

Non esiste un singolo test o una singola procedura utilizzata per diagnosticare l’aprassia della parola. La diagnosi è inoltre complicata dal fatto che i patologi del linguaggio hanno opinioni diverse su quali sintomi possono indicare questa condizione.

La maggior parte degli esperti, tuttavia, cerca la presenza di molteplici sintomi comuni di aprassia, valutando la capacità del paziente di ripetere una parola più volte. Oppure possono valutare se una persona può recitare una lista di parole che sono sempre più difficili.

Un patologo del linguaggio può altresì interagire con un bambino per valutare quali suoni, sillabe e parole il bambino è in grado di dire e capire. Il patologo esaminerà anche la bocca, la lingua e il viso del bambino per eventuali problemi strutturali che potrebbero causare sintomi di aprassia.

Quando si diagnostica l’aprassia, gli esperti possono cercare anche la presenza di altri sintomi. Ad esempio, possono indagare sulla debolezza o sulla difficoltà con la comprensione del linguaggio. Per le persone con possibile aprassia acquisita, una risonanza magnetica cerebrale può essere utile per determinare l’estensione e la posizione di qualsiasi danno cerebrale.

In genere, una diagnosi di aprassia infantile del linguaggio non può essere fatta prima del secondo anno. Prima di questo momento, la maggior parte dei bambini non è in grado di comprendere o eseguire le attività necessarie per favorire una diagnosi sulla presenza di aprassia.

Cura per l’aprassia della parola

In alcuni casi di aprassia acquisita, la condizione si risolve spontaneamente. Questo non è tuttavia il caso dell’aprassia dello sviluppo del linguaggio, che non sparisce senza adeguato trattamento.

Esistono vari approcci terapeutici per l’aprassia. Quanto siano efficaci possono variare da persona a persona: per i migliori risultati, il trattamento con aprassia deve essere sviluppato per soddisfare le esigenze di un dato individuo. La maggior parte dei bambini con aprassia del linguaggio beneficiano ad esempio di un incontro one-to-one con un patologo del linguaggio da tre a cinque volte alla settimana. Possono anche aver bisogno di lavorare con i loro genitori o tutori per esercitare le abilità che stanno sviluppando.

La terapia per l’aprassia infantile del linguaggio mira a migliorare la coordinazione del linguaggio. Gli esercizi possono includere:

  • pratica ripetuta di formazione e pronuncia di suoni e parole;
  • esercitarsi a mettere insieme i suoni per generare un discorso;
  • lavorare con ritmi o melodie;
  • usare approcci multisensoriali, come guardare in uno specchio mentre si cerca di formare parole o toccare il viso mentre si parla.

Molti terapeuti credono che la lingua dei segni sia utile per i bambini che hanno difficoltà a essere capiti. Le persone con casi più estremi di aprassia acquisita possono anche trarre beneficio dal linguaggio dei segni. Oppure possono utilizzare dispositivi elettronici assistivi, come i computer, che possono essere utilizzati per produrre parole e frasi.

Pochissimi studi sono tuttavia stati effettuati per determinare l’efficacia relativa degli approcci terapeutici per l’aprassia infantile della parola. Ciò può essere dovuto, in parte, al dibattito in corso tra esperti su quali sintomi e caratteristiche meritano una diagnosi di aprassia.