Conservazione latte materno: tutte le regole da conoscere

Se stai allattando al seno e ti serve più flessibilità per allattare il tuo bambino una soluzione c’è: il tiralatte. Una volta che avrai il tuo latte potrai conservarlo così da averlo a disposizione da usare quando serve. È bene però che tu segua alcune regole, cosicché esso conservi le sue proprietà intatte.

Se hai la possibilità di allattare con il tuo latte il tuo bambino è bene che tu lo faccia, non c’è infatti alcun motivo di ricorrere al latte artificiale. Lavori? Non hai la possibilità di essere sempre presente fisicamente con il piccolo? Siete spesso fuori casa e non ti va di allattarlo in luoghi pubblici? Non è un problema, per risolvere la situazione e poter dare al tuo piccolo il tuo latte materno sarà sufficiente che ti procuri un tiralatte e seguendo qualche semplice istruzione potrai avere la pappa sempre pronta. Il latte materno è un alimento come un altro, quindi è possibile conservarlo per qualche giorno facendo in modo di preservare tutte le sue sostanze nutritive, minimizzando il rischio di contaminazione batterica.

Contenitore per conservare il latte

Contenitore per conservare il latte

In primo luogo prima di toccare qualsiasi cosa lavati le mani con acqua e sapone. Il contenitore da usare è una confezione a chiusura ermetica, in plastica dura o in vetro magari con un tappo di plastica dura. È anche possibile utilizzare delle sacche speciali in plastica, che sono create apposta per contenere il latte materno, a volte si attaccano anche direttamente al tiralatte. Ricorda comunque che il prodotto all’interno in questo caso si conserva meno, perché è più fragile e più facilmente si possono verificare perdite e contaminazioni rispetto ai contenitori solidi. Per proteggere al meglio le sacche del latte materno una soluzione è quella di metterle a loro volta all’interno di un contenitore per alimenti a chiusura ermetica.

Non conservare mai il latte materno usando bottiglie usa e getta oppure dei sacchetti di plastica generici per congelare o quant’altro: non vanno bene. Per una questione di sicurezza è opportuno poi che ti procuri delle etichette e un pennarello indelebile: ogni volta che metti via il latte materno, scrivi la data nella quale l’hai estratto con il tiralatte. Avrai già molte cose a cui pensare, non correre il rischio di fare uno sbaglio in questo senso, si parla comunque della salute del tuo bambino. Allo stesso modo se conserverai il latte dove ci possono essere altri contenitori simili, riporta anche il suo nome sull’etichetta, la prudenza non è mai troppa.

Tieni il contenitore del latte materno isolato o a sua volta messo in un contenitore o una busta isolata. Una volta presa la mano con il sistema sarà tutto semplice e automatico. Potresti anche pensare di  conservare delle mini porzioni per le situazioni di emergenza giornaliera, che possono capitare, anche se non è prevista la poppata. Una cosa a cui devi fare attenzione è questa: il latte materno è un liquido come gli altri, quindi una volta congelato aumenta di volume, quindi non riempire mai il contenitore fino alla sua massima capacità, perché rischierebbe di rompere il contenitore in cui l’hai messo. Il latte tirato in giornate differenti va tenuto separato.

Regole e tempi

Una classica domanda che se non ti stai già facendo ora, ti farai quando inizierai a conservare il latte materno è questa: “posso aggiungere il latte tirato ad un altro che ho già messo via conservato?” La risposta è sì, solamente se l’hai tirato lo stesso giorno e solo quando la seconda porzione è perfettamente raffreddata. Non si aggiunge latte tiepido a latte freddo perché si potrebbe rovinare, se oltretutto il primo è congelato si rischia che parte di esso si sciolga, per poi ricongelare dopo: è una cosa che proprio non va fatta.

La durata di conservazione del latte materno dipende dalla modalità di conservazione che hai scelto. Segui queste regole guida:

  • A temperatura ambiente, (massimo 25°C) il latte si conserverà al massimo per 6-8 ore (4 in estate). Se è molto caldo il clima o se la stanza nella quale lo stai conservando è calda, è meglio che lo sposti in frigorifero, o in alternativa, immergi il contenitore in acqua fredda, cambiando l’acqua ogni tanto, cosicché si mantenga al fresco. L’acqua fredda tuttavia non è un frigorifero, quindi vale comunque la regola delle 6 ore.
  • Se hai il latte in una borsa termica con del ghiaccio puoi conservare il latte per circa un giorno, entro questi tempi puoi anche poi spostarlo in frigo.
  • Se hai il latte materno in un contenitore in frigorifero può durare 72 ore, 4 giorni se siamo sotto ai 4°C. Il consiglio comunque è quello di conservarlo sulla parte bassa del frigorifero e mai sulla porta dello stesso, lì è infatti la parte che mantiene più di tutte la temperatura costante.
  • Il latte materno puoi conservarlo anche congelato in freezer. Qui di solito viene fatta una distinzione: se il freezer viene aperto ogni volta che apri il frigorifero, la stima della conservazione è 2 settimane, se invece è a parte e si mantiene chiuso di più il latte può durare anche 6 mesi. Nel freezer comunque ti consigliamo di metterlo bene in fondo, per tenerlo a temperatura più costante.

Qualità del latte materno conservato

Qualità del latte materno conservato

Il latte materno appena tirato è la cosa migliore per nutrire il tuo piccolo quando sei stanca. Alcune ricerche suggeriscono che più a lungo si conserva il latte, sia che lo si sia conservato in frigo, sia che fosse in congelatore, maggiore è la perdita di vitamina C. Altri studi dicono che un congelamento oltre ai 2 giorni potrebbe ridurre le sue proprietà battericide e sul lungo potrebbe anche perdere la percentuale di grassi benefici. Mano a mano che passano i mesi insomma il latte potrebbe perdere le sue proprietà nutritive. Diciamo che la cosa migliore è una produzione e un consumo a breve termine, di circa 7-10 giorni.

Scongelare il latte materno

Quando vai a scongelare il latte materno, scongela sempre il latte più “vecchio”. Il metodo migliore è quello di spostarlo dal freezer al frigorifero la sera prima, in modo che il giorno dopo si è sciolto da solo gradualmente. Se hai fretta puoi farlo decongelare dolcemente sotto l’acqua tiepida. Quando congeli il latte si creano degli strati, la parte più cremosa tende ad accumularsi in alto. Prima di dare il latte al tuo bambino agita quindi il contenitore per mescolare le due parti, sempre però con delicatezza.

Una regola importante: non scongelare mai il latte a temperatura ambiente perché è l’habitat perfetto per far moltiplicare i batteri e allo stesso modo non scaldare la bottiglia congelata nel forno a microonde, né sul fuoco. Si creano nella sostanza degli sbalzi di temperature che non vanno bene e, inoltre, il riscaldamento rapido fa modificare gli anticorpi contenuti al suo interno. Il latte materno decongelato va usato entro 24 ore e il residuo va gettato. Non ricongelare il latte già scongelato, anche se lo è solo parzialmente.

Il latte scongelato ha un colore differente e a volte anche l’odore, è normale, ma il latte è sicuro. Se il bimbo tuttavia lo rifiuta, dovete magari provare a ridurre il tempo di conservazione: il latte è sano comunque, in questo caso si parla puramente di gusto soggettivo del bambino.

Tutti i consigli di cui abbiamo parlato sono pensati in riferimento ad un uso domestico per bambini che sono sani. In ospedale o per neonati che sono ammalati oppure prematuri è bene fare riferimento al medico.

Leggi anche

Bionect Start, per combattere le piaghe da decubito e le ulcere vascolari e diabetiche

Bionect Start contiene, in qualità di sostanza principale l’acido ialuronico sale sodico proveniente da processi di fermentazione ad opera di batteri, ed inoltre anche...

Emorragia cerebrale: principali cause, sintomi e trattamenti di emergenza

Un'emorragia cerebrale è una condizione medica – spesso conosciuta anche con il nome di emorragia intracranica – in grado di rappresentare una emergenza medica....

Ghiandole salivari, cosa sono e quale funzione hanno

Le ghiandole salivari si trovano nell'area della bocca ed anche in alcuni tessuti presenti nel collo e nella testa, e producono la saliva necessaria.

recenti

Isola Polvese, una meraviglia naturale in provincia di Perugia

Isola Polvese si può considerare come quella di maggiori dimensioni tra le tre che si trovano all’interno del lago Trasimeno, nella regione Umbria. Attualmente, questa particolare isola è stata trasformata in una sorta di parco tecnico-scientifico e appartiene alla provincia di Perugia.

Artrosi alle mani: cause, sintomi e cure

Per capire meglio la natura dell’artrosi alle mani, occorre prima dare qualche breve cenno sulle articolazioni. Brevi cenni sulle articolazioni Le articolazioni sono formate da quella...

Rinowash, doccia nasale per liberare le vie respiratorie

La doccia nasale serve appunto a raggiungere la parte alta delle vie respiratorie, spesso ostruita da muco e catarro. Questo accessorio per Aerosol è...