La nascita di un figlio e gli impatti sul sonno dei genitori

Quale è l'impatto sul sonno dei genitori della nascita di un figlio? Quali ripercussioni sorgono per chi è al primo figlio o per chi è ai successivi?

impatti sul sonno
credit: stock.adobe.com/Elnur

La nascita di un figlio ha effetti drastici a breve termine sul sonno delle nuove madri, in particolare durante i primi tre mesi dalla nascita. I ricercatori dell’Università di Warwick hanno scoperto che la durata del sonno e la qualità del sonno è diminuita fino a sei anni dopo il parto per entrambi i genitori.

Nel documento sugli effetti a lungo termine della gravidanza e del parto sulla soddisfazione del sonno e la durata della prima volta e di madri e padri esperti, in collaborazione con l’Istituto tedesco per la ricerca economica e la West Virginia University, i ricercatori hanno studiato il sonno in 4.659 genitori che hanno avuto un figlio tra il 2008 e il 2015.

Durante questi anni i genitori hanno anche riferito della quantità e della qualità del sonno in interviste annuali. Nei primi 3 mesi dopo il parto le madri hanno dormito in media 1 ora in meno rispetto a prima della gravidanza, mentre la durata del sonno dei padri è diminuita di circa 15 minuti.

Le donne tendono a sperimentare più disturbi del sonno rispetto agli uomini dopo la nascita di un bambino, il che riflette il fatto che le madri sono ancora più spesso nel ruolo di assistenza primaria rispetto ai padri” – afferma lo studio.

Tuttavia, quando i bambini avevano già 4 – 6 anni, la durata del sonno era ancora circa 20 minuti più breve nelle madri e 15 minuti più breve nei padri rispetto alla durata del sonno prima della gravidanza. Gli effetti del sonno sono stati più pronunciati nei genitori alla prima volta rispetto ai genitori non al primo figlio.

L’aumento del reddito familiare e i fattori psicosociali, come la doppia genitorialità o la genitorialità individuale, non sembravano proteggere da questi cambiamenti nel sonno dopo il parto. Il dottor Sakari Lemola, del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Warwick ha commentato affermando che sebbene avere figli sia una delle principali fonti di gioia per la maggior parte dei genitori, è possibile che l’aumento delle richieste e delle responsabilità associate al ruolo di genitore porti a un sonno più breve e a una diminuzione della qualità del sonno anche fino a 6 anni dopo la nascita del primo figlio.

Fonte

Sleep duration and satisfaction decreased up to six years for first-time parents – ac.uk

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia