Pannolini per bambini

Un nuovo allarme sembra riguardare da vicino il mondo dell’infanzia: stando a quanto afferma l’Agenzia francese per l’alimentazione e la salute ambientale e occupazionale (ANSES), infatti, in alcuni pannolini per bambini sarebbero state riscontrati livelli pericolosamente elevati di sostanze che potrebbero determinare danni ai bambini.

Il principale indiziato sembra essere il glifosato, una sostanza chimica utilizzata anche come diserbante, e che ancora una volta torna protagonista in una notizia potenzialmente allarmante sul mondo dei prodotti per i neonati.

In particolare, l’ANSES ha invitato i produttori a cessare l’uso di questa sostanza, e il governo francese sembra aver colto la palla al balzo per poter irrompere con maggiore decisione nel settore. Il governo ha infatti fornito ai produttori 15 giorni di tempo per poter prendere provvedimenti ed eliminare gradualmente le sostanze chimiche trovate.

Ricordiamo che il glifosato, una delle sostanze chimiche maggiormente incriminate, è inserito da tempo dall’Organizzazione mondiale della sanità nella lista delle sostanze “probabilmente cancerogene”. Non è, comunque, l’unica sostanza della quale bisognerebbe prendere le distanze: tra gli altri elementi chimici che sono stati trovati nei pannolini e che potrebbero – a certe dosi – essere nocive per i neonati, si ricorda il butilfenil metilpropionale, utilizzato anche nei prodotti di bellezza, e alcuni idrocarburi aromatici.

Ad ogni modo, il rapporto non cita alcun brand specifico, lanciando dunque un allarme che per il momento non può essere raccolto sotto il profilo commerciale e di immagine.

Link di approfondimento

  • French Agency for Food, Environmental and Occupational Health & Safety – anses.fr