Pentacol, per le infiammazioni a carico del retto e dell’ano

472

Se, sfortunatamente, doveste essere afflitti da alcuni particolari processi infiammatori a carico dell’intestino retto e/o dell’ano, il Pentacol, nelle sue varie forme farmaceutiche, potrebbe essere ciò che fa per voi. Fermo restando che prima di assumere un qualsiasi medicinale è sempre meglio rivolgersi al proprio medico di fiducia, ecco un piccolo excursus su questo farmaco antiinfiammatorio per la parte distale del vostro apparato digerente.

Pentacol, descrizione generica

Pentacol è il nome commerciale di un farmaco, prodotto da Sofar S.p.A., medicinale vendibile solo dietro presentazione di prescrizione medica, contenente il principio attivo mesalazina, appartenente al gruppo farmaceutico degli antiinfiammatori e che si trova nelle forme farmaceutiche di compresse gastroresistenti a rilascio modificato, gel rettale, granulato per sospensione rettale, schiuma rettale e supposte.

Indicazioni terapeutiche di Pentacol

  1. Morbo di Crohn;
  2. Colite ulcerosa;
  3. Flogosi intestinali idiopatiche croniche ed acute quando localizzate nel colon e nell’ileo distale.

Gel rettale

  1. Morbo di Crohn;
  2. Proctiti ulcerose;
  3. Flogosi intestinali idiopatiche croniche ed acute a localizzazione anorettale e perianale.

Granulato per sospensione rettale

  1. Flogosi intestinali idiopatiche croniche ed acute a localizzazione rettale e sigmoidea;
  2. Colite ulcerosa.

Schiuma rettale

  1. Flogosi intestinali idiopatiche croniche ed acute a localizzazione rettale, sigmoidea, parte distale del colon trasverso e colon sinistro;
  2. Colite ulcerosa.

Sospensione rettale

  1. Colite ulcerosa a localizzazione sigmoidea e rettale.

Supposte

  1. Colite ulcerosa a localizzazione rettale.

Pentacol si può utilizzare tanto con la malattia in fase attiva quanto per prevenire eventuali recidive. Se la gravità della fase attiva è severa, allora si consiglia di associare l’assunzione di Pentacol con un trattamento a base di farmaci cortisonici.

Metodo di somministrazione e posologia di Pentaco

La dose consigliata per gli adulti, in media, è di due compresse (ciascuna da 400 mg.), oppure anche di una compressa (nel dosaggio da 800 mg.) per tre volte al giorno. Se la malattia si trova in fase acuta la dose è aumentabile fino a 10 compresse (quelle da 400 mg.) o 5 compresse (quelle da 800 mg.) al giorno, sempre e solo dopo aver ascoltato il parere del proprio medico. La compressa va ingerita intera, senza masticarla e senza frazionarla, aiutandosi con un po’ d’acqua e lontano dai pasti. Se è la prima volta che si assume Pentacol è preferibile raggiungere la posologia definitiva dopo alcuni giorni, con un incremento graduale dei dosaggi. Non somministrare ai bambini che non abbiano compiuto il sesto anno di età. In malattia in fase attiva il trattamento può durare fino a 4, massimo 6 settimane. Nel trattamento a lungo termine per la prevenzione delle recidive i dosaggi quotidiani devono essere stabiliti da un medico che valuterà l’evoluzione della patologia e le condizioni cliniche del paziente.

Gel rettale

La forma farmaceutica si presenta sotto forma di tubetti di gel da una dose ciascuno contenenti 5 gr. di prodotto, e 500 mg. del principio attivo mesalazina e permette di applicare il medicinale direttamente sulle mucose interessate dai processi flogistici da trattare, e particolarmente se le aree coinvolte sono la zona perianale, gli sfinteri, ed il canale anale che non si possono raggiungere in modo diretto con le altre forme farmaceutiche del principio attivo mesalazina (clisteri e supposte).

Con la malattia in fase attiva si può somministrare all’adulto un grammo e mezzo di mesalazina, dose contenuta in tre tubetti del gel per applicazioni rettali, a meno che il parere medico non sia diverso. Il medicinale lo si deve applicare facendo attenzione che l’alvo sia libero dalle feci. In caso di somministrazione a bambini che non abbiano ancora compito il secondo anno d’età occorrerà ridurre il dosaggio, sempre sotto diretto controllo medico.

Con la malattia in fase attiva il trattamento può durare dalle 4 alle 6 settimane. In fase di remissione, nella quale è richiesta una terapia di mantenimento a lungo termine per la prevenzione delle recidive, sarà il medico a determinare le frequenze ed i dosaggi di Pentacol gel rettale.

Granulato per sospensione rettale

Per gli adulti la posologia consigliata è di un clistere da un grammo e mezzo di mesalazina (una bustina di prodotto) per due volte al giorno, la mattina e la sera, oppure un clistere con quantità doppia di mesalazina (quindi due bustine di prodotto) solo una volta al giorno, la sera prima di andare a letto.

Per preparare il clistere si dovrà inserire la dose di mesalazina riportata nella prescrizione all’interno del flacone graduato contenuto nella confezione ed aggiungere acqua, fredda o tiepida, fino a raggiunfere i 100 ml. A questo punto si avviterà al flacone la cannula rettale e poi si agiterà il contenuto per una sessantina di secondi, fino a che la consistenza del contenuto non sia perfettamente omogenea. Adesso si può somministrare il clistere, avendo cura di avere l’intestino vuoto. Affinché il risultato sia il migliore possibile è consigliabile che il paziente resti coricato per una mezz’oretta ruotando sui due fianchi alternativamente il proprio corpo affinché il prodotto si stenda sulla maggior superficie possibile della mucosa intestinale. Occorrerà anche sforzarsi di trattenere il contenuto del clistere quanto più a lungo si può.

Pe il paziente che mostri difficoltà al trattenimento del clistere da 100 ml. si potrà optare per un inizio di trattamento a volumi inferiori, ad esempio la metà. Anche in questo caso ridurre le dosi sotto consiglio medico per i bambini d’età inferiore ai due anni. Per quanto attiene alla durata ed alla cura di mantenimento, valgono le stesse indicazioni che per il gel rettale.

Schiuma rettale

Per gli adulti la posologia media è di 2 grammi due volte al giorno di mesalazina, oppure di 4 grammi in una sola volta la sera. Per erogare la dose intera si prema a fondo il coperchietto del contenitore da una sola dose e lo si rilasci immediatamente dopo (operazione da effettuare due volte consecutivamente: se la si effettua una volta sola si otterrà una emi dose da 65 ml.). Per tutte le altre indicazioni si leggano quelle riportate per il gel rettale.