in

Sigarette elettroniche, ritirato uno studio “inaffidabile” sui rischi infarto

Vengono ritenute invalide le conclusioni di una nota ricerca sui pericoli delle e-cig.

Sigarette elettroniche rischio infarto
FOTO: stock/adobe.com/fotofabrika

Era uno degli studi maggiormente citati da chi affermava che le sigarette elettroniche facciano male e che, in particolare siano in grado di raddoppiare il rischio di infarto.

Era, appunto. Perché lo studio è stato ritirato dal Journal of the American Heart Association (Jaha), secondo cui ora la ricerca è ‘inaffidabile’ a causa di problemi nel trattamento dei dati.

Ricordiamo che lo studio, pubblicato lo scorso giorno, a cura di Stanton Glanz dell’università della California, sosteneva l’esistenza di una associazione tra l’uso di e-cig e l’infarto del miocardio, con effetto simile a quello delle sigarette convenzionali. L’uso duale di sigarette elettroniche e non elettroniche aumentava inoltre ancora di più la probabilità di un evento cardiaco.

Le critiche alla ricerca

Subito dopo la pubblicazione dello studio, 16 ricercatori inviarono una lettera alla rivista domandandone il ritiro, sulla base del fatto che i dati esaminati non permettevano di stabilire se gli infarti fossero avvenuti prima o dopo l’inizio dell’uso delle sigarette elettroniche.

La rivista a quel punto ha domandato spiegazioni ai ricercatori ma, stando a quanto emerge, le spiegazioni non sono state ritenute soddisfacenti perché gli autori non avevano più accesso al database da cui avevano ricavato i dati.