Sonno infantile, scoperto legame con il livello di istruzione della madre

Uno studio scopre un legame tra il livello di istruzione della madre e la quantità e la qualità del sonno infantile nei propri bambini.

Sonno infantile
credit: stock.adobe.com/Kristin Gründler

Un nuovo studio che ha analizza i dati di un folto gruppo di genitori in Canada ha scoperto che i bambini dormono meno a tre mesi di età se le loro madri non hanno una laurea, o hanno sperimentato una condizione di depressione durante la gravidanza o ancora hanno subito un parto d’emergenza cesareo.

Lo studio, che ha esaminato le associazioni tra il livello di istruzione di una madre, la depressione prenatale, il metodo di parto e la durata del sonno del bambino, è stato pubblicato questo mese in Sleep Medicine, scoprendo che i bambini nati da madri senza laurea hanno dormito in media 13,94 ore al giorno – 23 minuti in meno rispetto ai bambini nati da madri laureate, e appena al di sotto delle linee guida della National Sleep Foundation di una media di 14-17 ore di sonno al giorno a tre mesi di età.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 619 neonati e delle loro madri che hanno partecipato al CHILD Cohort Study di AllerGen – uno studio nazionale di nascita che raccoglie un’ampia gamma di informazioni sulla salute, lo stile di vita, l’esposizione genetica e ambientale di quasi 3.500 bambini e delle loro famiglie dalla gravidanza all’adolescenza.

Il sonno influenza la crescita, l’apprendimento e lo sviluppo emotivo di un bambino ed è una delle preoccupazioni più comuni dei nuovi genitori,” ha detto Piush Mandhane, professore associato di pediatria presso l’Università di Alberta e uno degli autori principali dello studio.

Sebbene la ricerca precedente abbia collegato lo stato socio-economico di una madre, compreso il livello di istruzione, a una più breve durata del sonno infantile, non abbiamo capito i fattori in gioco. Il nostro studio ha rivelato che il 30 per cento dell’effetto dell’educazione materna sulla durata del sonno infantile è in realtà mediata dalla depressione prenatale di una madre, così come il tipo di parto” – afferma il docente.

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che le madri senza un diploma universitario sono dinanzi a un rischio significativamente più alto di avere sintomi di depressione sia durante il periodo prenatale e postnatale, rispetto alle donne con un diploma universitario.

Ci sono diverse possibili spiegazioni per l’associazione tra la depressione materna e il sonno infantile, secondo la co-autrice Anita Kozyrskyj, professore di pediatria. “Le madri in difficoltà tendono ad avere problemi di sonno durante la gravidanza, con una caratteristica che può essere ‘trasmessa’ al feto attraverso l’orologio circadiano della madre e livelli di melatonina,” ha detto – “La depressione materna e il parto cesareo di emergenza portano entrambi a livelli elevati di cortisolo, che, a sua volta, può causare una risposta di stress esagerato nei neonati che ha un impatto negativo sul loro sonno”.

Secondo il team, infine, studi precedenti hanno dimostrato che il sonno ha un grande impatto sullo sviluppo emotivo e comportamentale del bambino e può anche influenzare il modo in cui si comportano cognitivamente più tardi nella vita. “Abbiamo bisogno di sostenere le mamme prima che il bambino nasca”, ha aggiunto Mandhane. “E se possiamo iniziare a promuovere un sonno sano fin dall’inizio, a tre mesi di età, penso che sia meglio per le famiglie“.

Fonte

Study finds link between infant sleep duration and mother’s level of education, prenatal depression – med.ualberta.ca

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia