Trimonase: medicinale utile per trattare le infezioni genitali

Trimonase è un medicinale a base di Tinidazolo, principio attivo particolarmente indicato per poter trattare infezioni urogenitali che sono sostenute da Trichomonas Vaginalis.

Trimonase
credit: stock.adobe.com/Robert Kneschke

Trimonase è, come già anticipato, un antiparassitario particolarmente usato per poter trattare infezioni genitali che sono supportate da protozoi come il Trichomonas Vaginalis, o ancora da Entamoeba Histolica e Lamblia Intestinalis, diffusi in entrambi i sessi.

Il funzionamento del medicinale agisce nelle vie genito-urinarie, in virtù delle sue principali proprietà farmacocinetiche, che in seguito a un assorbimento nell’intestino e alla distribuzione plasmatica nell’organismo, raggiunge l’ambiente urinario e ginecologico in quantità ritenute clinicamente rilevanti.

A quel punto, il principio attivo del Tinidazolo agisce sul microrganismo patogeno, determinando danni funzionali e strutturali con la sua vita. Terminata l’attività biologica, la forma attiva del Tinidazolo viene eliminata mediante le urine.

Uso e posologia

Come ogni medicinale, anche Trimonase dovrebbe essere utilizzato come strettamente indicato dal proprio medico di riferimento.

In ogni caso, rammentiamo come il foglietto informativo suggerisca l’uso di compresse per uso orale da 500 mg di Tinidazolo sulla base della gravità del quadro clinico e del tipo di parassita responsabile delle patologie manifestate.

Uso in gravidanza e in allattamento

La capacità del principio attivo di permeare la barriera ematoplacentare e il filtro mammario rendono Trimonase controindicato durante la gravidanza e il successivo allattamento al seno, esponendo infatti il feto e il lattante a concentrazioni farmacologicamente attive del Tinidazolo.

Interazioni

Al momento non vengono rilevate delle interazioni farmacologiche di rilievo per il Trimonase. In ogni caso, i medici consigliano – durante l’intera terapia con tale medicinale – di evitare la contestuale assunzione di alcol o di principi attivi che siano correlati per potenziali effetti collaterali a carico dell’apparato gastro-intestinale e nervoso.

Controindicazioni

L’utilizzo di Trimonase è controindicato nelle ipotesi di ipersensibilità al principio attivo o a uno degli eccipienti che sono inclusi nel farmaco, e ancora nei pazienti che hanno pregressa storia di patologie ematologiche o nervose.

Effetti collaterali

Effetti collaterali Trimonase
credit: stock.adobe.com/Karanov images

Generalmente la terapia a base di Trimonase viene ritenuta sicura e ben tollerata dai pazienti. A volte però Trimonase può essere responsabile di effetti collaterali come mal di testa, nausea, orticaria, cistite, diarrea, vomito. In casi più gravi possono insorgere convulsioni, parestesie e confusione mentale.

Prescrizione

Trimonase è un farmaco soggetto a prescrizione da parte del proprio medico curante.

Tinidazolo

Come abbiamo già avuto modo di introdurre qualche riga fa, il Tinidazolo è un antibatterico che appartiene alla classe dei nitroimidazoli, efficace contro i batteri anaerobi, ma con applicazioni nel trattamento delle infestazioni da parassiti o da protozoi.

Per questo motivo il medicinale trova frequente applicazioni per il trattamento di infezioni uro-genitali che sono provocate da Trichomonas vaginalis, amebiasi o lambliasi.

In ogni caso, prima di assumere questo medicinale sarà opportuno informare il medico se si è allergici a un qualsiasi altro tipo di farmaco, se si è affetti da patologie del sistema nervoso centrale e se si soffre di alterazioni della composizione del sangue.

È inoltre bene rammentare che il trattamento a base di questo medicinale dovrebbe essere esteso anche nei confronti del partner, in maniera tale da evitare un fenomeno di continua trasmissione e ritorno del protozoo.

Fonte

  • Trimonase: Scheda Tecnica e Prescrivibilità | Torrinomedica
  • TRIMONASE 8CPR 500MG | Starbene.it

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia